"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

mercoledì 19 agosto 2009

Chi fa da sé...Torta Tiramisù con risvolti fantozziani

Il mio compleanno è passato ormai da quasi un mese. Quest'anno purtroppo, che avrei tanto voluto viverlo con la mia famiglia e i miei amici, sono dovuta andare fuori per un matrimonio...così, niente torta...Solo che questa cosa non mi dava pace: per me un compleanno va celebrato, festeggiato, sottolineato, anche se in modo semplice, ma non può passare inosservato! E la torta, io credo, è un elemento essenziale!! :))
Perciò, visto che nessuno si è fatto avanti nel farmi una bella sorpresa, magari facendomela trovare già bell'è fatta, ci ho pensato da sola...Desideravo da tempo provare a fare una torta al sapore di tiramisù, avevo visto da qualche parte su vari forum di cucina ricette simili e così mi sono cimentata, con i dovuti adattamenti.
In realtà la dovrei chiamare "Torta Fantozzi", perché la sera in cui ho deciso di cominciare a prepararla è successo di tutto! Innanzitutto mi si sono rotte improvvisamente le fruste del frullatore (per fortuna ho mia sorella a un tiro di schioppo e ho risolto presto); poi è stata la volta del pan di spagna "finto cotto" (volevo provare una ricetta alternativa, che prevedeva molto latte all'interno, e alla prova stecchino mi è uscito pulitissimo in più punti...ma, evidentemente...ricetta cestinata..)...che in realtà mi sono accorta dopo circa mezzora che era COMPLETAMENTE crudo all'interno...; alla fine, dopo aver rifatto il pan di spagna, (sudatissima, stanca e incavolata nera: erano già le 22.00..) mi sono messa a preparare la crema. Ecco, ora io non ho mai avuto problemi con la gelatina, mi si è sempre sciolta bene e amalgamata perfettamente alle creme..ma la maledizione di Fantozzi aleggiava su di me e quindi: la gelatina ha fatto i grumi!!! Io ero talmente sfatta (e soprattutto senza più ingredienti per riparare) che ho cercato di amalgamarla il meglio possibile e devo dire che con l'aggiunta della panna il risultato è stato comunque cremoso.
Beh, torta fantozziana o meno, era buonissima e i miei amici (quei pochi che non erano partiti) hanno gradito moltissimo! Scusate la qualità delle foto, ma le "cavallette" non mi hanno dato molto modo di farne di più decenti...

.....
TORTA FANTOZZI...TIRAMISU'
....
....
Ingredienti per il PDS (per una teglia di 26 cm)
...
210 di farina
40 gr di cacao amaro
5 uova
250 gr di zucchero
1/2 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
...
Caffé poco zuccherato per la bagna
...
1. Montare le uova con lo zucchero, fino a che saranno gonfie e spumose (circa 10 minuti).
2. Aggiungere pian piano la farina setacciata, insieme al lievito, al cacao e alla vanillina, mescolando sempre dal basso verso l'alto.
3. Versare infine il composto in una tortiera imburrata e infarinata e cuocere in forno caldo a 180° per circa 30/35 minuti.
Una volta raffreddato, tagliare a metà il pds e bagnare entrambi i dischi con il caffé.
...
Per la crema
..
500 gr di mascarpone
10 gr di gelatina in fogli
6 tuorli
125 gr di zucchero
400 gr di panna fresca
30 gr di caffé solubile da diluire in 30 gr di acqua (oppure una tazzina di caffé forte)
Marsala all'uovo
..
1. Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda.
2. Intanto se volete pastorizzare le uova, se come me avete il terrore della salmonella, preparate uno sciroppo con 130 gr di zucchero e 130 gr di acqua. Fate sciogliere completamente lo zucchero e portate a ebollizione. A questo punto, se avete un termometro da cucina, dovrete verificare che la temperatura dello sciroppo sia di 121°C, altrimenti, come ho fatto io, dovrete accontentarvi di metodi più empirici e sperare che vada tutto bene! Quindi, fate bollire lo sciroppo per circa 10 minuti...e che Dio ce la mandi buona! :D
3. Una volta pronto, versate lo sciroppo sui tuorli che avrete prima sbattuto un po' e continuate a sbattere con le fruste e a montare le uova fino a quando il recipiente si sarà raffreddato.
4. A questo punto unite il mascarpone, mescolate ben bene, strizzate la gelatina e scioglietela in un pentolino con un cucchiaio di acqua e aggiungetela al composto di mascarpone.
5. Unite anche la panna montata a parte e amalgamare il composto con un cucchiaio, mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il tutto.
6. Dividete la crema a metà in due ciotole, ad una aggiungetevi qualche cucchiaio di marsala all'uovo e all'altra il caffé che avrete preparato col caffé solubile o con la vostra moka (l'importante è che ne aggiungiate un po' alla volta, fino ad aver raggiunto il sapore che volete, altrimenti se ne mettete troppo potrebbe rendervi troppo liquida la crema).
7. Mette la prima base del pds sul vassoio, posizionatevi intorno il cerchio della tortiera apribile e versatevi sopra la crema al marsala. Posizionate anche il secondo disco di pds bagnato e versate sopra la crema al caffé. Livellatela bene con la spatola e ponetela in frigo a riposare per qualche ora.
8. Una volta rassodata, togliete il cerchio e decoratela a piacere, non prima di averla spolverizzata di cacao amaro!
...
TANTI AUGURI A ME!!
...


Irene Grandi- La cucina

4 commenti:

  1. Adoro il tiramisù più di ogni altra cosa...e questa torta la devo provare..magari senzaa maledizione di Fantozzi..hi hi..se ti va di visitare il mio blog...la cucina di pippicalzina...lasciami un commento se ti va così so che sei passata..mi farebbe davvero piacere...Pippi..complimenti per il blog..ho letto il post sul natale..mi hai commosso..

    RispondiElimina
  2. @Pippi: Ciao, Pippi!! Anch'io come te adoro il tiramisù e devo dire che mi è piaciuto un sacco gustarlo in forma di torta... :) Se la provi, fammi sapere! Verrò di sicuro a farti visita, grazie! Baci e buon anno nuovo!!

    RispondiElimina
  3. Ho una versione di Tiramisù che appena farò...io dico che ti piacerà molto perchè se ti piace questo dolce come a me...i tengo informata se pubblico ok?

    RispondiElimina
  4. ...ma certo, "DEVI" tenermi informata!! Qui tutti impazziamo il tiramisù e ogni nuova ricetta è ben accetta! :D

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!