"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

giovedì 6 agosto 2009

Spaghetti croccanti con alici, pomodorini e pecorino


Mi piace cucinare perché in cucina "tutto è permesso": la fantasia è il condimento migliore per tutti i piatti...Adoro pensare: "Cosa mi va, oggi? Di cosa ho voglia?" E partire magari da un solo ingrediente, che deve necessariamente essere presente, e poi cominciare a tirar fuori un'idea dopo l'altra, sfogliare giornali, leggere le ricette dei grandi chef per poi sentirti piccola e insignificante e sognare di avere, da grande (perché per i sogni non si è mai vecchi abbastanza) una cucina smisurata con un'enorme cappa nel mezzo, a cui tenere appesi centinaia di pentole e tegami, uno per ogni pietanza...e finalmente far venir fuori il piatto che più si avvicina all'idea che avevi in mente (che non si accosta neanche col binocolo a quella dei grandi chef, ovviamente).
Ieri avevo voglia di alici...sì, io nelle mie voglie sono abbastanza moderata...le alici sono dopotutto un piatto semplice, no? Non ho mai mangiato gli spaghetti con le sarde né so come si fanno, però mi allettava l'idea degli spaghetti integrali (li uso spesso), con le alici, resi croccanti da un po' di pangrattato tostato in padella, magari insaporito dal pecorino....ok, mettiamoci all'opera!




SPAGHETTI CROCCANTI CON ALICI FRESCHE, POMODORINI E PECORINO






Ingredienti per una persona (...scusate...ma ero sola... :>)

80 gr di spaghetti integrali
6/7 alici fresche
150 gr circa di pomodorini freschi, tipo ciliegini
pangrattato
pecorino
prezzemolo
qualche oliva nera
capperiaglio
olio
sale


Procedimento



1. Far imbiondire in una padella larga l'aglio, le olive nere tagliate a pezzetti e i capperi.
2. Tagliare a metà i pomodorini e aggiungerli al soffritto. Cuocerli, ma senza farli asciugare troppo.
3. Diliscare e tagliare a pezzetti le alici (ovviamente pulite dalle interiora) e versarle nel pomodoro. Far cuocere per 5 minuti (non troppo, altrimenti le alici si induriscono) e spegnere.
4. Intanto, in una padellina a parte, far scaldare un filo d'olio e far tostare un po' di pangrattato (il giusto per ricoprire gli spaghetti e dare il tocco croccante). Attenti a non farlo scurire troppo!
6. Far lessare gli spaghetti al dente, scolarli, tenendoli "umidi" (vi conviene, prima di scolare la pasta, mettere da parte un pochino dell'acqua di cottura, vi potrà servire nel caso il sughetto si sia seccato troppo) e versarli nella padella con le alici e il pomodoro.
7. Mescolare per far condire bene la pasta, aggiungere una bella grattugiata di pecorino, del prezzemolo tritato e, infine, il pangrattato. Buon appetito!






E per dessert, nel quotidiano tentativo di coniugare gusto, voglia di dolce e pancia piatta (come se si potesse fare), ogni tanto ci si può concedere un dessert un po' meno calorico del solito..Buono, comunque, molto buono. Certo, vuoi mettere una coppa di gelato con la panna o una fetta di semifreddo affogato al caffé?...e va beh...allora facciamoci del male...




COPPE ALLO YOGURT, BISCOTTINI E SCAGLIE DI CIOCCOLATO


Per la coppa fragola e cioccolato (dosi per 1 persona):




Uno yogurt alla fragola
1/2 vasetto di yogurt greco (confezione da 170 gr)
2 cucchiaini di zucchero a velo
qualche biscotto al cacao
cioccolato al latte per le scaglie


Mescolare i due tipi di yogurt con lo zucchero a velo e, a strati, mettere la crema in un bicchiere trasparente, alternandola con i biscottini sbriciolati e le scaglie di cioccolato.






Per la coppa cocco e biscottini:


Uno yogurt al cocco
l'altra metà del vasetto di yogurt greco
2 cucchiaini di zucchero a velo
biscottini al cacao
farina di cocco

Mescolare i due tipi di yogurt con lo zucchero a velo e, sempre a strati, porre la crema nel bicchiere, alternandola con i biscottini al cacao sbriciolati e la farina di cocco.











2 commenti:

  1. Quegli spaghetti croccanti sono davvero tentatori... e facili a realizzarti, complimenti!

    RispondiElimina
  2. Grazie!...e quando li realizzi, fammi sapere!! ;D

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!