"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

venerdì 25 settembre 2009

Torta ricotta e pere


Ancora più bello del fare i dolci per gli amici, è farli CON gli amici e vedersi sporchi di farina e appiccicosi di panna, ma soddisfatti e divertiti.
Grazie, Lia, per il bellissimo pomeriggio in cui, insieme, ci siamo cimentate per la prima volta in questa deliziosa ricetta e per l'altro pomeriggio, quello in cui abbiamo passato un'ora e più a raccogliere nocciole sul ciglio della strada...e grazie soprattutto a Daiana per avermi passato la ricetta...!
Di varianti per questa torta ce ne sono tantissime, in rete e sui libri di cucina. Secondo me, che ne ho assaggiate tante, (ma solo per trovare quella perfetta, mica per gola...) questa è una delle più buone, anche se ovviamente si può sempre migliorare...Ad esempio, io e Lia abbiamo già deciso che sperimenteremo un altro tipo di cialda, un po' più alta e più "sostenuta". Chiunque ne avesse provata una diversa e vuole condividere la ricetta con me, ne sarei felicissima!! :)

Comunque...ne è valsa la pena!



TORTA RICOTTA E PERE



Ingredienti:

per i due dischi di PASTA BISCOTTO:

6 cucchiai di zucchero
6 cucchiai di nocciole tritate
2 cucchiai di farina
100 gr. di burro morbido
4 albumi

per il RIPIENO:

500 gr. di panna fresca 

300 gr. di ricotta
200 gr. di zucchero
il succo di 1/2 limone
2 pere kaiser a dadini cotti in uno sciroppo di acqua, zucchero e il succo di 1/2 limone, il tutto poi ridotto in purea (io ho trovato delle ottime pere in scatola intere già sciroppate, quindi ovviamente ho saltato questo passaggio. Ho utilizzato un barattolo intero, erano più o meno 2 pere)


Procedimento:

PER LE CIALDE BISCOTTO:

1. Amalgamate il burro con lo zucchero e montate a crema.
2. Mescolate la farina e le nocciole e aggiungetele al composto di burro e zucchero, alternando con l'albume. Cioè aggiungere poca farina mescolata con le nocciole, poi poco albume e così via, al composto di burro e zucchero.
3. Mescolate molto bene e mettete in due tortiere imburrate di 24/26 cm. di diametro e cuocete in forno caldo a 180 per 15/20 minuti (devono essere dorate). Fate raffreddare.


PER IL RIPIENO:

1.Montate la panna.
2. A parte mescolate bene la ricotta con lo zucchero e il succo di mezzo limone.
3. Frullate metà delle pere e aggiungetele alla crema di ricotta, unite la panna montata e aggiungete anche il resto delle pere tagliate a dadini, unendo anche un pochino del loro succo. Amalgamate bene.
3. Componete la torta mettendo alla base una cialda, coprite con la crema di ricotta e panna e adagiatevi sopra l'altra cialda.
4. Mettete la torta in frigo per almeno due ore ma sarebbe meglio prepararla il giorno prima.
5. Riprendete la torta dal frigo e spolverizzatela di zucchero a velo.

A me piace così, semplice semplice, ma se volete potete sbizzarrirvi decorandola con dei fili di caramello, dei pezzetti di pera, altra panna....











19 commenti:

  1. Ehiiiiiiiii........niente male questa torta deve essere proprio buona..... giusta giusta x questi giorni ancora estivi! Se non ti dispiace te la "rubo"......e la provo! ciaooooooo

    RispondiElimina
  2. eeeeeee ma è da svenimento!!! buonissssssssima!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia...la ricotta e pere by De Riso!! C'ho quasi vergogna a postare sul mio blog il mio "misero" ciambellone marmorizzato. Vabbè ma sono giustificata: 1) sono ancora a dieta 2)era da tanto che non pasticciavo, devo riprendere il ritmo.
    Besitos

    RispondiElimina
  4. Federica: grazieeeeeeeeeee

    Giù: Ma che dici!! Io adoro i ciambelloni! E poi l'importante non è "cosa" pasticciare, ma divertirsi a farlo!! Baci anche a te!...sentiamoci presto, ho voglia di fare una passeggiata con te! :)

    RispondiElimina
  5. ciao e complimenti per la torta ricotta e pere, scusa mi potresti dire che panna avete usato? QUELLA FRESCA OPPURE QUELLA VEGETALE? GRAZIE ANTICIPATAMENTE SPERO IN UNA TUA RISPOSTA CIAO

    RispondiElimina
  6. @Anonimo: Ciao, chiunque tu sia! :) Guarda, io uso spesso la panna fresca e la zucchero a piacere...però qui credo di aver usato quella vegetale, già zuccherata! Se provi la torta (ti assicuro che merita), fammi sapere...e se ti va magari scrivimi il tuo nome... :D

    RispondiElimina
  7. Gabri grazie di avermi risposto,appena la provo ti faro' sapere. ciao da CLARISSA

    RispondiElimina
  8. @Anonimo: Ma figurati, Clarissa, è un piacere! Buona giornata a te!

    RispondiElimina
  9. Ciao...felice di conoscerti e grazie per la visita.....Complimenti per il blog....lo sto ''scoprendo'' piano piano....e devo dire che mi piace molto.....Questa torta in particolare mi attira....e' uno dei miei prossimi esperimenti...da un po' che voglio farla.....chissa'.....a presto...

    RispondiElimina
  10. @Micol: Ciao, Micol! Grazie a te per essere passata :) A noi piace tanto, questa torta, l'ho già rifatta molte volte. Provala e fammi sapere...
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. Complimenti è il mio dolce preferito.
    Piacere di conoscerti
    Inco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Inco!! Leggo solo ora il tuo messaggio...Il piacere è mio! :D

      Elimina
  12. l'ho provata ed è venuta malissimo, troppa panna e un biscotto troppo sottile che si è psezzato ovviamente.il composto è strabordato fuori perchè non è compatto .inoltre la ricetta non dà informazioni dettagliate sul procedimento e 500 ml di panna rendono il tutto pesante e immangiabile ! feedback negativo per questa ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Rosalinda, mi dispiace moltissimo che la torta non ti sia piaciuta. Io l'ho fatta diverse volte e sia amici che familiari l'hanno sempre gradita...però, certo, dipende dai gusti, io uso la panna fresca, forse per quello il sapore viene più delicato, non eccessivamente "pannoso". Sulla cialda, l'avevo scritto nell'introduzione, che questa veniva un po' sottile, però a me non si è mai rotta, non so che dirti...Mi sembrava che il procedimento fosse abbastanza chiaro, mi rincresce davvero constatare che non sia così. Proverò a rifarla e vedrò dove poterla sistemare, grazie comunque, le critiche servono sempre a migliorare!

      Elimina
  13. Questa torta la faccio domani.grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  14. La ricetta con 500 ml di panna xme era tanta.non l' ho proprio messa.ho messo 160 g di Philadelphia

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!