"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

mercoledì 30 settembre 2009

Vellutata di zucchine e finocchi: bentornato, autunno!!

L'autunno, con mia somma gioia, è di nuovo qui e anche se fa ancora caldo, mi è tornata la voglia di zuppe, minestre, creme di verdure...
Questa è semplicissima, io la faccio spesso, è leggera e delicata e i finocchi, incredibile, le regalano un profumo veramente unico!

Ingredienti per due persone

3 zucchine grandi
1 patata
basilico
prezzemolo
2 finocchi
1/2 cipolla
sale e pepe

Procedimento

Tagliate a pezzetti le zucchine e a spicchi il finocchio e metteteli in una pentola. Aggiungete la cipolla, il basilico, il prezzemolo e la patata tagliata a metà. Coprite con l'acqua e lasciate cuocere bene le verdure.
Quando saranno ben cotte, salate e frullate il tutto fino ad ottenere una crema liscia e morbida. Spolverate con poco pepe e aggiungete un filo d'olio a crudo.
Buon appetito!



2 commenti:

  1. Devo dire che in effetti è come dicevi... buonissima!! Io ne ho fatto una versione con carota al posto di patata (il diabete bla bla) e ho dovuto trattenere Andrea dal metterci un intero pezzo di pancetta, che è il suo concetto di vellutata: pancetta con verdure (poche e solo se strettamente necessarie). ciao cuggì

    RispondiElimina
  2. Beh, in effetti abbiamo due mariti che sul concetto di "alimentazione sana e leggera" dovrebbero fare un luuuungo corso...!!!
    Però, pancetta a parte, sono contenta che ti sia piaciuta! Con il cibo bisognerebbe essere meno scettici e sperimentare di più!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!