"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

mercoledì 28 ottobre 2009

Torta autunnale di carote e nocciole


Mi hanno sempre incuriosito le torte di carote. Dalle famose merendine di una vita fa, alle torte vere proprie, ho sempre voluto provare a fare un dolce arancione (dovrò sperimentare prima o poi anche quello alla zucca)! Poi ieri sera mi è venuta voglia di fare un dolcetto per la colazione, ho aperto il frigo per controllare se c'era tutto...e chi ti vedo? Quattro carotine tristi e abbandonate che agonizzavano nella confezione...Il maritone aveva giusto comprato, ieri mattina, il libro delle Torte dell'Enciclopedia della Cucina Italiana (fantastico!) e mi sono messa a sfogliarlo...neanche a dirlo, c'era una bellissima torta alle carote e nocciole: perfetta!!
E' buonissima, soffice, leggera, con un bel profumo di nocciole! Insomma...una torta "scaldacuore", adatta alla colazione, ma anche alla merenda, per il tè delle cinque, delle sei, con il caffè e per il dopocena... :)


Ingredienti (con qualche mia variazione)

100 gr di farina
150 gr di carote
150 gr di nocciole
125 gr di zucchero
3 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
la buccia grattugiata di un limone non trattato
40 gr di olio di semi di girasole (o di mais)


Preparazione

1. Riducete in polvere le nocciole e grattugiate finissime le carote.
2. In una terrina lavorate 1 uovo intero e 2 tuorli (tenendo da parte gli albumi) con lo zucchero, fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
3. Unite al composto di uova l'olio, le nocciole, le carote grattugiate, la farina setacciata con il lievito, il succo e la scorza grattugiata del limone.
4. Montate a neve gli albumi, amalgamateli al composto e versatelo in una teglia di 22 cm.
5. Cuocete in forno già caldo a 180° per circa 40/45 minuti. Spolverizzate di zucchero a velo.






11 commenti:

  1. Dev'essere molto profumata e buonissima!

    RispondiElimina
  2. Interessante e nuova: io ne conoscevo con le mandorle o con lo yogurt, ma non con le carote, grazie la proverò senz'altro!

    RispondiElimina
  3. che buona!! la segno! bravissima!

    RispondiElimina
  4. Mary: Lo è, Mary! Provala! ;)

    Barbara: ...Con le mandorle mi manca: magari potremmo fare uno scambio di ricette!! :D

    Federica: Grazie mille!! Fosse per me farei un dolce al giorno! :)

    RispondiElimina
  5. grande gabry! ne avevo proprio voglia, ora la provo. ..altrimenti che so,vendita per corrispondenza?

    RispondiElimina
  6. Chiara: ci stavo giusto pensando... ;) Comunque provala, davvero, secondo me ti piace! Bacio!
    P.s. ti scoccia, ho messo il link al tuo blog...è troppo uno spasso, adoro leggerti...

    RispondiElimina
  7. Fantastica, segnata!Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  8. Marsettina: Grazie mille!

    Night: Buona settimana anche a te, fatina! Provala e poi dimmi se ti è piaciuta! :*

    RispondiElimina
  9. L'ho provata e nonostante la mia imperizia e i tentativi di anna di collaborare attivamente è venuta davvero buona!!
    Pensa che è piaciuta anche a Andrea, credo sia il complimento più grande.
    P.S. L'ho fatta nello stampo da plum cake visto che non avevo altro, e siccome volevo regalarla (ma vedendo che piace ad Andrea mi sa che me la tengo!) ho fatto una prova nello stampo da muffin in modo da non fare brutte figure. Sai che di quelle dimensioni è veramente graziosa e adatta al the?

    RispondiElimina
  10. Chiara: ...che bello, che l'hai provata!! E la cosa che mi fa più piacere è che l'abbia gradita una bocca difficile come Andrea!...negli stampini da muffin? Sai che è un'idea proprio carina? La proverò! Tieniti pronta, perché stasera sperimento una torta di pere...è la prima volta! Sperem...

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!