"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

lunedì 9 novembre 2009

Crostata nera con marmellata di mandarini

La mia bella suocerina mi ha regalato, qualche tempo fa, una deliziosa marmellata di mandarini, aromatica e particolare.
Stavolta ho voluto provarla con una frolla al cacao, perché come sapete, il contrasto cioccolato-agrumi mi piace tantissimo....
.
.
.
Pasta frolla al cacao (ho fatto la dose doppia, perché volevo fare anche dei biscottini ripieni)
.
.
450 gr di farina
50 gr di cacao amaro
250 gr di burro
220 gr di zucchero
2 uova + 1 tuorlo
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di marsala
un pizzico di sale
.
.
Per farcire
.
marmellata di mandarini o di arance
.
.
Preparazione
.
Formate una fontana con la farina e unitevi il burro freddo tagliato a pezzetti. Impastate la farina con il burro, in modo da ottenere un composto sbriciolato. Formate di nuovo la fontana e al centro mettete lo zucchero, le uova, la vanillina, il sale e il marsala. Impastate velocemente fino ad avere un composto liscio ed omogeneo. Formate una palla e avvolgetela nella pellicola per alimenti. Ponetela in frigo per almeno mezzora.
Riprendete la pasta frolla, stendetela non troppo sottile e rivestitevi uno stampo per crostate di 22 cm di diametro.
Farcitela con la marmellata di mandarini e con il resto della pasta formate le strisce con cui rivestirete la crostata.
Cuocete in forno caldo a 180° per 20/25 minuti.



Con l'altra metà della pasta frolla, ho preparato dei "ravioli" ripieni della stessa marmellata, che ho regalato alla suddetta suocerina...se li meritava!! :D
.
.


.
.

6 commenti:

  1. complimenti dev'essere una vera delizia:))

    RispondiElimina
  2. wow che delizia!!! complimenti!!

    RispondiElimina
  3. Nanny: Sì, buona buona! Grazie!

    Federica: :)

    RispondiElimina
  4. Fantastica!piace molto anche a me questo contrasto!

    RispondiElimina
  5. Marsettina e Nightfairy: I contrasti nei cibi li adoro, mi piace tantissimo avvicinare un cibo alle labbra pensando di trovare un sapore...e invece scoprirne un altro altrettanto sorprendente!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!