"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

venerdì 4 dicembre 2009

Torta aromatica allo yogurt greco



L'altro giorno al supermercato ho visto per caso un nuovo tipo di yogurt greco "cremoso", negli stessi vasetti degli yogurt classici. Incuriosita, l'ho preso, pensando di farci una tortina semplice per la colazione (come sempre...).
Così, mi sono messa a vagabondare un po' su internet, alla ricerca di qualche ricetta che mi stuzzicasse...e ho trovato
questa . Mi è piaciuta subito, soprattutto perché prevedeva lo zucchero di canna grezzo (che io adoro) e l'olio invece del burro (un colpo al cerchio e uno alla botte....faccio contenta il maritone ed evito il burro...che s'adda fà pe' campà....).

L'ho provata la sera stessa, aggiungendo qualche spezia per renderla ancora più aromatica e ne è venuta fuori una torta profumatissima, molto soffice e davvero particolare. E, the last but not the least, è velocissima perché al posto della bilancia, per "pesare" gli ingredienti si usa lo stesso vasetto dello yogurt! Va beh, lo so che è un po' la scoperta dell'acqua calda, però io non l'avevo mai provata e devo dire che è proprio comoda, questa "misurazione"... :)




Gli ingredienti sono (per uno stampo di 22 cm di diametro):


1 vasetto di yogurt greco intero

3 uova

2 vasetti di zucchero di canna scuro e aromatico

3 vasetti di farina 00

1 vasetto di olio di semi di girasole (io l'ho trovato un po' eccessivo e la prossima volta proverò con 1/2 vasetto)

1 bustina di lievito vanigliato

la punta di un cucchiaino di cannella

la punta di un cucchiaino di noce moscata

un pizzico di zenzero (io ho le radici secche e ne ho grattugiato un pezzetto)

1 bustina di vanillina


Montare lo zucchero e le uova. Unire lo yogurt e amalgamare bene. Aggiungere l'olio e per ultima la farina setacciata con il lievito e le spezie.


Infornare per 45-50 minuti a 150 gradi.




Sono curiosa di provarla anche con altri tipi di yogurt, la trovo più buona della torta allo yogurt che ho sempre fatto...



5 commenti:

  1. marsettina, federica, Nanny: Grazie a tutte! Mi è piaciuta moltissimo e non vedo l'ora di rifarla! Solo che in questo periodo bollono in pentola troppe cose... ;)

    RispondiElimina
  2. ..ne vorrei una fettaaaaaaaa, sofficissima!!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!