"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

sabato 9 gennaio 2010

Profiteroles al limone di Sal De Riso



Portati ieri sera a casa di amici. Per chi ama i dolci al limone: sono profumatissimi e cremosi...
La ricetta della crema al limone di De Riso è stata postata da Rosalba, su Cook (mia fonte primaria di ispirazione, nonostante gli innumerevoli libri di cucina...).
Veramente buoni!!

Per i bigné, invece, ho usato la ricetta che utilizzo da un po' di anni, trovata su un vecchio numero di Sale e Pepe. Mi piace tanto come vengono: morbidi, ma sodi al tempo stesso, e poi si mantengono perfetti, senza afflosciarsi, anche il giorno dopo!

Piano piano metto ricetta e foto...abbiate pazienza, ma nel frattempo sto preparando una cosa per stasera e devo correre a fare l'ultimo impasto... :)


PROFITEROLES AL LIMONE DI SAL DE RISO

Per i bigné (circa 25/30):

125 gr di farina (io la setaccio, per sicurezza, ma non è indispensabile)
200 ml di acqua
75 gr di burro
1 pizzico di sale
3 uova

Mettete sul fuoco una casseruola
con l'acqua, il pizzico di sale e il burro: appena alza il bollore (il burro deve essere sciolto), unite in un colpo solo la farina e mescolate energicamente con un cucchiaio di legno.
Cuocete, senza smettere di mescolare, finché la pasta si stacca dalle pareti del recipiente formando un unico blocco (basteranno un paio di minuti).
Togliete dal fuoco, lasciate intiepidire la pasta e incorporate, uno alla volta, le uova, mescolando energicamente con le fruste elettriche a gancio.
Con la sacca del pasticciere con la bocchetta liscia (non troppo piccola, altrimenti vi verranno dei bigné mignon...) fate scendere sulla placca del forno (foderata di carta forno) il composto a ciuffi distanti tra loro.
Col dito bagnato, schiacciate leggermente la punta, che altrimenti in cotturà brucerà.
Cuocete i bigné in forno caldo a 180° per circa 15/20 minuti.
Lasciateli asciugare col forno spento e lo sportello un po' aperto.

Per la crema al limone:
40 g di tuorlo d'uovo
40 g di zucchero
40 g di burro

60 g di succo di limone.


Grattugiate la buccia di un limone e mettetela in infusione nel succo spremuto x 20 minuti.In un pentolino mescolate le uova (il peso ed il numero delle uova chiaramente varia in base alla loro grandezza) con lo zucchero ed i 60 g di succo di limone filtrato (succo con buccia grattugiata ). Cuocete a fuoco lento fino a che la crema si sarà addensata (seguendo il consiglio di Rosalba io ho aggiunto un cucchiaino di maizena per addensare). Bloccate la cottura velocemente mettendo il pentolino in un bagnomaria ad acqua fredda e continuate a mescolare (e raffinare la crema con il mixer, se dovessero esserci dei grumi), fate raffreddare ed aggiungete il burro a pezzetti; coprite con pellicola la crema e mettetela in frigo.

Per la crema pasticcera profumata al limone

.
280 g di latte fresco
120 g di panna fresca liquida
115 g di tuorlo d'uovo (ho diminuito di un po' le uova, rispetto alla ricetta originale)
120 g di zucchero
40 g di amido di mais (io ho aumentato leggermente la maizena perché volevo una crema più soda)
2 g di sale
3 limoni
1/2 baccello di vaniglia


In un tegame mettete il latte la panna e la scorza dei tre limoni e portate ad ebollizione lentamente.
Togliete dal fuoco e lasciate in infusione x un’ora. A parte sbattete con la frusta a mano i tuorli con lo zucchero, aggiungete i semi di vaniglia e il sale. Unite la maizena setacciata e mescolate bene. Filtrate il latte e versatelo sul composto di uova; rimettete nel tegame e cuocete a fiamma bassa finché la crema incomincia ad addensarsi. Mettete la crema in un contenitore e coprite con pellicola trasparente. Fate raffreddare e ponetela in frigo finché sarà ben fredda.

Per la glassa di copertura:

150 g di panna fresca


50 g limoncello

15 g zucchero a velo

60 g di latte fresco intero




Comporre i profiteroles:.


Montate la panna fresca con lo zucchero a velo.

Unite la crema al limone con la crema pasticcera al profumo di limone. Mescolate bene e unite 50 g di panna e 50 g di limoncello. Amalgamate bene il composto e farcite i bigné (anche qui ho seguito le indicazioni di Rosalba e i bigné farciti li ho messi a testa in giù nel freezer, per evitare che la crema fuoriuscisse)..




Alla crema rimasta aggiungete 100 g di panna e 60 g di latte fresco intero, fino ad ottenere una glassa densa. Infine immergete i bigné nella glassa e poneteli ancora in freezer a rassodare. Teneteli in frigo almeno un'ora prima di servirli.



13 commenti:

  1. che sfizio...al limone non ci avevo mai pensato!!
    Segno subito così appena finito la dieta si può provare;))
    Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  2. @Nenaz: Neanch'io li avevo mai fatti, ma ti assicuro che questa crema al limone è davvero fantastica! :)

    RispondiElimina
  3. complimenti per il tuo blog molto bello ed interessante e si questi profiteroles di Sal De Riso sono buonissimi. Rosalba

    RispondiElimina
  4. @anonimo: Grazie, Rosalba! Le tue dritte, per questi bigné mi sono state molto utili. E poi mi hai fatto scoprire una crema al limone buonissima, l'ho usata più di una volta!

    RispondiElimina
  5. qual'è il tuo nick su cook? Rosalba

    RispondiElimina
  6. @anonimo: Rosalba, il mio nick è semplicissimo: gabrita :) Ci vediamo lì, allora! baci

    RispondiElimina
  7. grazie...
    anch'io ho rifatto questa crema più di una volta e buonissima...baci rosalba

    RispondiElimina
  8. grazie
    anch'io ho rifatto questa crema più di una volta è buonissima Rosalba

    RispondiElimina
  9. ciao, scusami volevo sapere ma nella glassa la panna si intende montata oppure liquida?

    RispondiElimina
  10. Sembra buonissimo...devo provarlo con i verdelli ;-)
    ti farò sapere!!!
    Grazie

    RispondiElimina
  11. sicuramente buoni , li voglio fare!!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!