"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

domenica 14 febbraio 2010

Bigné fritti alla crema



Semel in anno licet insanire...e anche friggere, per quanto mi riguarda!!
Credo che per molte di voi friggere sia una vera botta in testa...però vogliamo mettere la goduria totale, il delirio dei sensi, di tutti e cinque!, quando mangiamo le frittelle, le zeppole, le chiacchiere...e tutte le meraviglie zuccherose e sfrigolanti del Carnevale?
Non so voi, ma io non so dire di no!...almeno una, una sola, ma la devo assaggiare...
Quest'anno, poi, ho "esagerato" e ne ho preparati (e mangiati) più dell'anno scorso...Non ho fatto i krapfen, ma mi sono rifatta con le castagnole,i bigné e con le zeppole zucchero e cannella che faceva sempre mia madre...Tanto tra due giorni comincia la Quaresima e il nostro organismo si prenderà una- piccola- pausa godereccia! :)
.
Inizio col postarvi la ricetta dei bigné fritti alla crema...
.

Per la pasta bigné

.

(con queste dosi ne vengono una 50ina, quindi dimezzatele se siete in pochi...o morite di piacere e divideteli tra i pauci sed electi...)

250 gr di farina setacciata

150 gr di burro

5 uova grandi

400 ml di acqua

1 pizzico di sale

1 tazzina di liquore Strega

3 cucchiai di zucchero

.

Per la preparazione, vi rimando qui, la ricetta è quella che uso per i bigné al forno...Ricordatevi solo di profumare l'acqua con il liquore e di aggiungervi lo zucchero.

.

Una volta pronto l'impasto, raccoglietene un po' aiutandovi con due cucchiaini e friggete i bigné un po' alla volta, finché saranno gonfi e dorati. Io ho usato la friggitrice, posizionando la manopola su temperatura 170°. Sono venuti perfetti!

Prima di riempirli con la crema, fateli sgocciolare su carta assorbente.

.

Crema pasticciera

.

500 ml di latte

50 gr di amido di mais (volevo che fosse un po' più soda, per evitare che fuoriuscisse dai bigné)

100 gr di zucchero

4 tuorli

1 bustina di vanillina (o 1/2 stecca di vaniglia, se l'avete)

la buccia grattugiata di 2 limoni

1 pizzico di sale

.

Scaldate il latte con la vaniglia e la buccia dei limoni. Sbattete con la frusta i tuorli con lo zucchero, aggiungetevi la maizena setacciata e amalgamate bene. Unite il latte filtrato e mescolate.

Rimettete il tutto sul fuoco e fate addensare la crema.

.

Farcite i bigné, usando una sac a poche con il beccuccio lungo e spolverate di zucchero a velo.

.

Ovviamente, se riuscite, mangiateli tiepidi. Noi, purtroppo, li abbiamo gustati dopo qualche ora e avevano perso un bel po' della loro fragranza...

.

.

.

.

7 commenti:

  1. Ciao, sembrano le nostre castagnole, una leccornia pure le tue. Auguri... e in settimana preparerò la nduja.

    RispondiElimina
  2. @Max: Ciao, Max, grazie! In effetti si assomigliano, solo che nelle castagnole c'è il lievito, infatti in bocca sono più "corpose", questi invece sono veri e propri bigné e all'interno sono vuoti...
    Non ti ringrazierò mai abbstanza per la tua gentilezza!! Attendo la nduja... :)))

    RispondiElimina
  3. gnam gnam che golosità !!!! CIAO !

    RispondiElimina
  4. ...ciao gabri,
    concordo in pieno sulle fritture... ma ci sono alcune pietanze che devono per forza essere fritte... per raggiungere l'apice del gusto...
    ps.. complimenti per il blog da parte del mio francy....

    RispondiElimina
  5. @Fairyskull: Ciao!! Grazie mille! :)

    @Nanny: Hai ragionissima, Anna!! E infatti quest'anno ho gozzovigliato parecchio...però che goduria!! :D
    ps. sono onoratissima dei complimenti di Francy!!!! :* :*

    RispondiElimina
  6. ciao gabri
    se già passata da me? per gli indirizzi dei template?
    in ogni caso ti lascio anche qui i vari passaggi...
    sono venuta da te perchè mi ero dimenticata di dirti che, se hai paura di combinare un pasticcio, prima di cambiare il template, vai nel tuo blog, MODIFICA/HTML e copia il codice del tuo modello, poi lo incolli in un doc. word sul tuo computer, così hai sempre una copia salvata del blog... e puoi ripristinarla se vuoi...


    ....i miei template li trovo qui:

    http://www.scrappinblogs.blogspot.com/

    http://hotbliggityblog.com/index.php

    PASSAGGI:

    tu scegli il template che più ti piace, e copia il codice che trovi sotto all'anteprima...
    poi entra nel tuo blog,
    nell'area la Layout,
    1)scegli modello: dev'essere su minima
    2) Elementi pagina,
    3) aggiungi gadget,
    4)Html/javascript e incolli il codice... poi
    fai salva...
    ...puoi modificare i colori nell'area "caratteri e colori"... scegli i colori che più ti piacciono... e il gioco è fatto... ^_^

    RispondiElimina
  7. @Nanny: Grazie, Nanny!! Troppo gentile! I template che sono sui siti che mi hai scritto sono fantastici!! Al più presto mi metterò a "pasticciare", vedrai... ;)

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!