"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

lunedì 8 febbraio 2010

Ogni giorno ha già la sua pena



...è arrivato finalmente!
.

L'ho letto, d'un fiato, perché prima di regalarlo volevo scoprire cos'era, questo manuale, cosa poteva dire anche a me, sulla felicità e su come imparare ad assaggiarne un po' ogni giorno. E devo dire che mi è piaciuto tanto.

Certo, Barbara, ovvero Mammafelice, non è una psicoterapeuta e non pretende di guarire i mali dell'anima con un semplice libricino...Il suo è solo un modo per raccontare ad altri che "il mondo ha il colore degli occhiali che indossi" e che la felicità in fondo è una condizione dell'anima e non può essere influenzata negativamente da fattori esterni. Ma come fare per essere felici, anche nel marasma della quotidianità? Anche quando la suocera con le sue battutine tira fuori l'orco che è in te, il tuo capo ti stressa, il marito non ti capisce e la casa sta per esplodere di panni da stirare?

.
In questo manuale pratico scoprirete che forse un modo c'è, ci sono delle piccole, semplici, magari anche banali (ma quante volte le cose più banali sono quelle che ci risolvono le situazioni e a cui non avevamo minimamente pensato?) regole da seguire, tenendole a mente ogni giorno, ogni volta che la tristezza e l'ansia fanno capolino tra la cena da preparare e i pannolini da cambiare...

.
Io l'ho trovato davvero carino, scorrevole, una piacevole sorpresa.
Perché tutti abbiamo bisogno di imparare ad essere felici, a volerci un po' più bene, a guardare i problemi per quello che sono e non come ostacoli insormontabili, a sentirci dire cose come "stacca la spina", "sorridi di più", "passaci sopra", perché le parole banali a volte fanno bene, ci ricordano quello che il tran tran di tutti giorni spesso ci cancella dalla memoria.

.

Magari, perché no, la felicità è davvero così vicina come ci racconta mammafelice.

E, come scoprirete alla fine del libro, lei è non è affatto estranea ai mille dolori che spesso la vita ci regala...

.
Il libricino è acquistabile solo online, costa davvero poco e secondo me vi donerà qualche ora di sorrisi...e una speranza nuova nel cuore.
Io l'ho già passato a mia sorella, e insieme abbiamo cominciato a mettere in pratica qualche piccola regola.

.

E sapete una cosa?...funziona!! :)

.

.

2 commenti:

  1. Grazie di cuore, sinceramente. Grazie mille!!

    RispondiElimina
  2. ...ma assolutamente grazie a te!! :)

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!