"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

mercoledì 14 aprile 2010

Tea for two: spirali brasiliane alla crema bianca di nocciole

.
.
Il Maritone ha una brutta irritazione alle mani e finalmente si è deciso ad andare dal dermatologo, dopo svariati mesi di insistenza, tampinamenti vari e minacce del tipo:"Hai le dita di un Mordiroccia, se non ti fai curare non toccarmi mai più".
Così adesso spalma il cortisone una volta al giorno e svariate volte dovrebbe mettersi una ricca crema idratante. Dico "dovrebbe" perché in realtà l'idea di incremarsi le mani -per non si sa quale assurdo motivo- gli scoccia parecchio, per cui almeno 2 o 3 volte al giorno mi si avvicina, appoggia la crema sulla scrivania e mi tende le mani, guardandomi con gli occhi del Gatto con gli Stivali di Shrek per farmi capire che gradirebbe moltissimo che gliela spalmassi io...




Non che mi dispiaccia poi così tanto, però mi viene da pensare...ma non eravamo noi, dopo tutto, il sesso debole??

Questi li avevo preparati per la colazione, ma per la loro consistenza burrosa li trovo molto più adatti con un bel tè.


Spirali brasiliane alla crema bianca di nocciole
da "Il libro d'oro dei biscotti"


Ingredienti

500 gr di farina
1/4 di cucchiaino di lievito (praticamente una punta)
250 gr di burro
150 gr di zucchero
30 gr di zucchero vanigliato (io non lo avevo, così ho messo 180 gr di zucchero e aggiunto 1 bustina di vanillina)
1 cucchiaio di brandy
2 uova
40 gr di crema spalmabile al cioccolato (io avevo una crema bianca di nocciole e ho usato quella, ma in questo modo non ho dato il contrasto cromatico. Comunque ho utilizzato ben più di 40 gr!)
1 cucchiaio di liquore al caffè
1 pizzico di sale


Setacciate la farina, il lievito e un pizzico di sale in una terrina. Lavorate il burro e i due tipi di zucchero in un altro recipiente con uno sbattitore elettrico, fino ad ottenere un composto cremoso. Unite anche il brandy. Incorporate le uova, senza mescolare troppo, quindi unite gli ingredienti secchi, fino a formare una pasta morbida.
In una ciotola mescolate il cioccolato da spalmare con il liquore al caffè (qui io ho avuto un problema: la crema, all'aggiunta del liquore, mi si è indurita, non so perché, quindi ho preferito spalmare la crema nature, senza liquore). Stendete la pasta formando un rettangolo dello spessore di circa 1 cm. Spalmate uniformemente la pasta con la crema preparata e arrotolatela strettamente per il lato lungo.
Avvolgetela nella pellicola trasparente e tenetela nel frigorifero per 30 minuti.

Per utilizzare in modo proficuo questi 30 minuti, spalmate più e più volte la crema idratante sulle mani del vostro uomo, in modo da giocare d'anticipo e coprire la fascia pomeridiana e preserale del trattamento.


Scaldate il forno a 190°. Passati i 30 minuti, tagliate il rotolo a fette spesse 1 cm.
Disponetele sulle piastre rivestite di carta forno e cuocetele per 8-10 minuti o fino a quando le spirali saranno leggermente dorate e consistenti al tatto. Fate raffreddare i biscotti, prima di trasferirli sul vassoio.

6 commenti:

  1. ah! ah! ah! Mi hai fatto morire dalle risate...ma perché tutti gli uomini sembrano fatti con lo stampino? Il mio compagno avrebbe avuto esattamente la stessa reazione. Che tipi assurdi!
    Buonissime le tue spirali!
    A presto,
    Alessandra

    RispondiElimina
  2. @Alessandra: Concordo in pieno: gli uomini sono fatti con lo stampino!! (però anche noi... ;> )

    @g.pompeo: :*

    RispondiElimina
  3. beh dai se ti guarda con quegli occhi..non ti puoi rifiutare.Anzi lo consoli addirittura con queste girelle fantastiche.Ma quale sesso debole,siamo noi che malgrado cento acciacchi siamo sempre in prima linea,loro per un raffreddore sono K.O!Un bacio Damiana1

    RispondiElimina
  4. queste spirali devono essere deliziose! complimenti!

    RispondiElimina
  5. @Damiana: Infatti, quello è solo uno sciocco luogo comune!! I veri supereroi siamo noi...! ;)

    @Federica: Grazie!! Se ti piacciono i biscotti burrosi, questi fanno per te!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!