"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

lunedì 31 maggio 2010

L'elisir dell'eterna giovinezza



Qualche settimana fa ero a casa a pulire in giro ed ero completamente presa dal finire il cambio di stagione (il caldo è arrivato all'improvviso e ci ha sorpresi sudati e ancora in felpa e pigiama con gli orsacchiotti che si tirano le palle di neve) e dal togliere la polvere dovunque, armadi compresi. Ad un certo punto suonano alla porta.
Io, devo ammetterlo, ero in versione Ugly Betty che fa le grandi pulizie di primavera, avevo la tuta, una maglietta paurosamente vecchia, il mollettone nei capelli e naturalmente non avevo pensato di mettermi il fondotinta e gli orecchini alla moda, per passare il mocho...E questo non lo dico per giustificare il fatto che sembravo mille miglia lontana da Eva Longoria in Desperate Housewives, ma solo per ammettere che più che Housewife quella mattina io davo solo l'idea del "Desperate".

Comunque, apro la porta -contrariamente a quanto faccio di solito e cioè far finta che non sono in casa- e mi trovo davanti il tecnico dell'Enel che mi guarda sorridendo e mi fa: "Ciao! Senti, potrei parlare con i tuoi genitori?"

.......

Pausa.

Capisco che avere ai piedi delle finte Crocs con sopra disegnati dei piccoli teschi colorati non deponesse proprio a mio favore....ma addirittura prendermi per un'adolescente che magari aveva fatto festa a scuola questo no!!!
Io devo aver fatto una faccia terribilmente mummificata, non mi si è mosso neanche un muscolo, tranne forse un isterico flap flap delle ciglia...
"Sono adulta. E sposata". Gli ho risposto, ma in realtà avrei voluto dirgli di aspettare un attimo e fare come Arturo Brachetti, grande trasformista, e diventare d'un colpo Lolita e appiccicargli la gomma da masticare nelle narici che intanto gli si erano spalancate in segno di grande sorpresa.


Ho deciso: la prossima mattina che mi suonano alla porta, mi presento con tacchi alti e baby doll e sorridendo offrirò questo dolce su un vassoio d'argento...vediamo se sembrerò abbastanza adulta... ;)


ROTOLO DI PASTA BISCOTTO ALLA MOUSSE DI FRAGOLE



Ingredienti




Per il rotolo di pasta biscotto (come dosatore userete un semplice bicchiere della Nutella, come questo qui):






1 bicchiere colmo di farina
1 bicchiere scarso di zucchero
4 uova intere
2 cucchiaini di lievito
la buccia grattugiata di un limone non trattato
1 bustina di vanillina


Montate a lungo le uova con lo zucchero, a cui avrete unito la buccia grattugiata del limone e la vanillina. Dovrete avete un composto gonfio e spumoso, come per il pan di spagna.
Aggiungete un po' alla volta, mescolando con una spatola dal basso verso l'alto -per non smontare il composto di uova- la farina setacciata insieme al lievito. Amalgamate bene e versate il composto in una teglia rettangolare abbastanza grande (la mia è di 38 x 27 cm, ma mi è capitato di farlo in una teglia anche un po' più grande), foderata di carta forno bagnata e strizzata. Infornate in forno già caldo a 180° per circa 12-15 minuti.
Mentre cuoce, preparate sul tavolo uno strofinaccio cosparso di zucchero.
Una volta cotto il rotolo, capovolgetelo ancora bollente sullo strofinaccio e togliete delicatamente (io mi aiuto con un pennello da cucina bagnato per evitare che venga via tutto lo strato superiore di pasta) la carta forno. A questo punto, aiutandovi con lo strofinaccio, arrotolate pian piano la pasta e avvolgetela nel panno stesso. Lasciatela così fino a che sarà completamente fredda.
Nel frattempo preparate la mousse.


Per la mousse di fragole

350 gr di fragole
500 ml di panna da montare già zuccherata (se potete, è meglio usare la panna fresca, quella del banco frigo, aggiungendo zucchero a seconda dei gusti. Io non l'avevo, e ho dovuto usare questa, ma trovo che la panna uht sia più pesante, come sapore)
liquore alle fragole
zucchero

Tagliate a pezzi grossi 200 gr di fragole (gli altri 150 gr li taglierete a pezzettini e li terrete da parte, vi serviranno per la farcitura) e mettetele in un pentolino con 2 cucchiai di zucchero e 2 cucchiai di liquore alle fragole. Cuocete le fragole fino a farle diventare morbide e quasi sfatte, poi filtrate il liquido di cottura e mettetelo da parte. Frullate il composto e passatelo al setaccio. Fatelo raffreddare.
Montate la panna, aggiungetevi il frullato di fragole e lo sciroppo tenuto da parte e unite anche una parte delle fragole tagliate a pezzetti. Amalgamate bene il tutto.

Srotolate con delicatezza il pan di spagna ormai freddo e stendetevi una parte della mousse di fragole. Cospargete con le altre fragole a pezzeti e richiudere il rotolo.
Decorate a piacere con il resto della mousse, della gelatina di fragole e qualche fragola tenuta da parte.

13 commenti:

  1. Ma per averne un paio di fette!!! che bontà, ciao...

    RispondiElimina
  2. Anch'io ho sempre avuto il problema di dimostrare meno anni di quanto avessi e ti capisco ...
    Consoliamoci con una fetta di rotolo :)

    RispondiElimina
  3. hahha grazie per una bella risata e ovviamente per la ricetta super golosa:))

    RispondiElimina
  4. eheheh che ridere..quante volte mi capita di ritrovarmi a tarda mattinata ed accorgermi che non mi sono nemmeno lavata la faccia!!..il fatto è che mi alzo e parto subito in quarta dicendo sempre dopo vado dopo vado..e quando è così capità sempre qualcuno..mannaggia che figure..!!comunque hai ragione..questo rotolo favoloso andrebbe benissimo per fare una bella figura!!..ciao Morena

    RispondiElimina
  5. Gabry, mi hai fatto morire dalle risate e di gola nel vedere quel dolce.......lo sai che mi piacciono le fragole!!!!!!!
    Un bacio, sei unica.LIA

    RispondiElimina
  6. @Max: ...quante ne vuoi, Max! Per te una bella fetta di dolce c'è sempre! :D

    @Milena: Che bello, mi fa piacere di non essere l'unica eterna adolescente!! ;p

    @Nena: Grazie a te, Nena! I tuoi panini con crusca sono bellissimi!! Dovrò convertirli con il lievito madre, che dici?

    @Morena: ahahah!! Hai ragione, lo faccio sempre anch'io!! Se penso che mia sorella alle 8 di mattina è già splendente, truccata e pettinata!! Beata lei... :-/

    @Lia: Lo so, Liuccia...scusamiiiiii!!!! Domani sera mi farò perdonare, promesso!! :*

    RispondiElimina
  7. che bello il tuo blog, scoperto oggi...complimenti per tutte le belle frasi..a presto anna

    RispondiElimina
  8. @sorella: Grazie, Anna, benvenuta!! :))

    RispondiElimina
  9. Mia cara, capita a tutte di assomigliare a Maga Magò quando si sta da sole a casa, a fare le pulizie...io certe volte mi rendo conto, a metà mattina, di non essermi nè guardata allo specchio nè pettinata!

    La torta è golosissima...

    RispondiElimina
  10. @Geillis: Quanto è vero! Certo che nei film queste cose mica si vedono... ;) Grazie! Un bacio!!

    RispondiElimina
  11. Troppo carino questo blog, e anche la tua presentazione! Complimenti davvero, ti seguo volentieri :-)

    RispondiElimina
  12. E meno male che io non c'ero sennò avrebbe detto "Ah, lei è il padre?" .... >(
    Cmq a me le fragole non fanno tanta gola ma quel rotolone era davvero una goduria! ;D

    RispondiElimina
  13. @Dada: Ciao, Dada! Grazie mille, sei gentilissima! Sono passata anch'io da te e ricambio sinceramente i tuoi complimenti :)

    @g.pompeo: Ma che dici...! E poi sono io "la mantide religiosa", no? ;D

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!