"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

venerdì 4 giugno 2010

Pollo all'americana



Ricettina appuntata un po' di anni fa su un quadernetto ormai sfogliato e pieno di scarabocchi, presa da non so dove (forse dalla "Prova del Cuoco"?).
L'ho fatta tantissime volte e ogni volta penso che mi piace un sacco: veloce e saporito, il pollo cucinato in questo modo rimane croccante fuori e umido dentro!

Approfittate di questo ritorno alquanto turbolento di aria fresca (stanotte i tuoni erano così forti che non mi hanno fatto dormire e i lampi praticamente illuminavano la camera a giorno...), accendete il forno e infilateci dentro questi bocconcini deliziosi, non ve ne pentirete!
Eh sì, gli americani sanno come prendersi per la gola...

Vi serviranno (le dosi dipenderanno dal numero di bocche da sfamare e dalla capienza delle suddette bocche):

pollo tagliato a bocconcini
olio
prezzemolo
parmigiano grattugiato
sale e pepe
succo di limone
1 spicchio d'aglio tagliato a metà

pangrattato

Lavate i pezzetti di pollo e metteteli a marinare per una mezzora con del parmigiano grattugiato, un po' di prezzemolo tritato, del succo di limone, sale e pepe, un filo d'olio e lo spicchio d'aglio.
Sgocciolateli dalla marinata, passateli ad uno ad uno nel pangrattato e poneteli in un unico strato in una pirofila rivestita di carta forno.
Fate scaldare il forno a 200° e cuocetevi i bocconcini di pollo per circa 1/2 ora. Dovranno essere ben dorati e croccanti.








Enjoy it!
.
.

9 commenti:

  1. I enjoyed! Eccome se non enjoyed!!! :D

    RispondiElimina
  2. questo pollo deve essere super! piacere di conoscerti io sono sweet maremma blogspot ti seguirò con piacere, vieni a trovarmi! a presto paola

    RispondiElimina
  3. Ciao Gabri,sai penso anch'io sia una ricetta della prova del cuoco e a quanto pare ,per ricordarmene,significa che mi aveva colpita.Si finalmente mi decido e la provo,perchè mi sembra una di quelle ricettine proprio saporite!!Ciao cara e buon w.e.!

    RispondiElimina
  4. Mi piace!!! Io faccio una versione più elaborta, con le uova, però questa mi sembra più veloce e croccante lo stesso: appena la provo, ti dico com'è venuta, sono proprio curiosa!

    RispondiElimina
  5. Il pollo si sa, è una carne che se non la elabori non è gran che quindi sono sempre a caccia di nuove ricette..questa mi sembra perfetta anche perchè non è fritta...Perfetta!!

    RispondiElimina
  6. @Federica: Grazie, Federica! Buona domenica! :*

    @Sweetmaremma: Ciao, Paola, il piacere è mio! :) Vieni a trovarmi quando vuoi, io farò lo stesso!

    @Damiana: Sì, anche a me sembra proprio che venga da lì. A me piace tanto e lo trovo anche semplice e veloce! Provalo!

    @Nightfairy: :D Ciao, fatina!

    @Geillis: Conosco la versione di cui parli, la faceva spesso un'amica di famiglia. Io non l'ho mai provata...perché non posti la ricetta, così vengo a "spiarla"? ;D

    @Morena: A dire la verità, io il pollo lo amo anche in brodo, scaldato, arrostito..insomma, mi piace davvero in tutti i modi! Però ammetto che in alcune ricette diventa certamente più saporito!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!