"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

mercoledì 14 luglio 2010

Che afa fa

...ma che voglia c'hanno, i giornalisti, di parlare tutti i santi giorni di questo caldo atroce, come un disco rotto? Tra Belen e i suoi lascia e piglia con l'energumeno tatuato e le notizie sull'afa che fa impennare i termometri, non so cosa sia più noioso: "ma che caldo, che fa", "c'è un'afa tremenda", "mamma mia, fa davvero caldo", "non faceva così caldo da...mah, da un sacco...tipo dall'anno scorso"...

 Tra qualche mese, quando arriveranno le prime piogge e tireremo fuori dall'armadio foulard, giacconi e calze lunghe, cominceremo a dire: "ma che freddo, che fa", "tira un vento che sembra Trieste e Trento insieme", "mamma mia, fa davvero freddo", "non faceva così freddo da...mah, da un sacco..."

Insomma, è vero che fa un caldo che ti manda a fuoco anche i pensieri, ma faceva così sudosamente caldo anche l'estate scorsa! Ricordo che c'erano delle giornate che volevo morire, piuttosto che uscire di casa prima di sera. E anche la sera non è che la cosa migliorasse di molto! E' piena estate e fa caldo. That's it. Se fosse estate e facesse freddo, allora sì che sarebbe una notizia sensazionale!
Quindi, non vi tedierò come un telegiornale all'ora di pranzo, raccontandovi di quanto si soffochi e di quanto mi manchi già la casetta mignon di fronte al mare, alla fresca brezza marina, in cui siamo stati per una splendida settimana di totale relax...
Vi lascio solo una ricettina semplice semplice, al limite del banale, che abbiamo sperimentato in vacanza, data la pochissima (quasi nulla) voglia di cucinare che avevo!

E adesso scusate, ma vado a buttarmi dell'acqua gelata in testa, perché fa un caldo tremendo...ma un caldo...un caldo che non si sentiva da un sacco di tempo...


ZUCCHINE MARINATE AL PROFUMO DI LIMONE



Ingredienti

zucchine
sale, pepe
olio evo
menta (io non l'avevo ma secondo me ci stava benissimo)
origano
1 limone non trattato, succo e buccia

Tagliate le zucchine sottilissime per il lato lungo. Mettetele in un piatto grande, in modo che ci stiano in un solo strato (non devono sovrapporsi). Salatele e pepatele.
Togliete con pelapatate qualche strisciolina di buccia al limone, spremete poi anche il succo e versatelo sulle zucchine, aggiungendovi anche la buccia.
Condite le zucchine con l'olio, un pizzico di origano e, se l'avete, qualche fogliolina di mentuccia. Lasciate le zucchine nella marinata per qualche ora, in modo che si insaporiscano e "cuociano" un po' nel limone.
E' un contorno molto fresco e la buccia del limone rilascia un profumo bellissimo!





5 commenti:

  1. ottima per un antipasto , brava!

    RispondiElimina
  2. Grazie, Mary! E' stato un contorno un po' improvvisato, ma a me è piaciuto molto! :)

    RispondiElimina
  3. Grazie dell'idea Gabri, prima di tutto bentornata è bello ritrovarti, anche se stavi sicuramente meglio al mare, non ne dubito! Mi piace questo piatto veloce e fresco, invece delle solite zucchine spadellate che ci hanno ormai spadellato i maroni.. Annoto gli ingredienti, l'orto dietro casa pullula di zucchine,e davanti il limone produce frutti a tutto spiano.. meglio di così!! =__^ Baciotti

    RispondiElimina
  4. Hai ragione, fa caldo e tutte le estati è così, non vi ricordate quella del 2003??

    Fresca questa ricetta, appena mi rimetto e posso mangiare di nuovo le verdure la provo!

    RispondiElimina
  5. @Cri:...beata te,Cri, che hai un po' di orto tutto tuo, da cui puoi attingere limoni non trattati e zucchine fresche! :)

    @Geillis: Cara, rimettiti presto! Poi ne avrai di ricettine da sperimentare! :D

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!