"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

lunedì 30 agosto 2010

American baked Cheesecake

Compendio di voluttà e morbidezza.

Sorprendentemente facile da fare, la cheesecake (perché, per quanto è deliziosa e sensuale, deve per forza essere donna)...e ancora più facile da mangiare.

Ricordatevi di non farla mai troppo piccola, ma di lasciare ampio margine ai bis...e anche ai tris! ;)








AMERICAN BAKED CHEESECAKE
per una teglia rotonda di 24 cm di diametro
oppure rettangolare di alluminio da 8 porzioni

Ricetta ispirata da Aitina, su Cookaround


Ingredienti

per la base:

200 gr di biscotti secchi
125 gr di burro
1 cucchiaio di zucchero di canna

per la crema:

4 uova intere
150 gr di zucchero
500 gr di mascarpone
250 gr di philadelphia
2 cucchiai di maizena (io stavolta li ho dimenticati, ma è venuta perfetta lo stesso, quindi credo si possa dire che sono facoltativi...)
la buccia grattugiata di un limone biologico
1 bustina di vanillina


per il topping:

frutta a piacere o cioccolato fuso o....quello che più vi aggrada


Procedimento



Riducete i biscotti in polvere, aggiungetevi il cucchiaio di zucchero, sciogliete il burro e unitelo ai biscotti mescolando bene. Stendete il composto nella teglia (possibilmente col cerchio apribile) foderata di carta forno e appiattitelo bene, arrivando anche un pochino sui bordi. Ponete in frigo.

Montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungete la vanillina e la buccia grattugiata del limone. Unite poi il mascarpone e il philadelphia e mescolate bene fino ad ottenere una crema omogenea.
Aggiungete la maizena setacciata e amalgamate.

Versate la crema sui biscotti e infornate in forno già caldo a 180° per circa 40 minuti.
La superficie dovrà rimanere molto chiara.

Così dopo il raffreddamento nel forno





Lasciate raffreddare la cheesecake in forno spento, con lo sportellino un po' aperto e, una volta fredda, mettetela in frigo a rassodare per almeno 6 ore (meglio ancora tutta la notte).


Così dopo la notte in frigo, tolto lo stampo








Tips:

  • Non vi preoccupate se la torta, allo scadere dei 40/50 minuti, vi sembrerà ancora cruda e "ballerà" tutta se muovete lo stampo, come se fosse liquida: si rassoderà piano piano e si compatterà del tutto successivamente in frigo.


  • Potrebbero formarsi sulla superficie delle crepe: tranquilli, non avete fatto nessun errore, è una caratteristica della cheesecake e non pregiudica assolutamente la sua bontà! Ovviate, se vi capita, coprendo la crepa con abbondante zucchero a velo o con un bel topping alla frutta.




9 commenti:

  1. E che donna!!!!La cheese cake è di una golosità unica e dalle foto, la tua sembra davvero""sensuale""!!Cara di sicuro userò la tortiera grande,ai miei uomini queste donne piacciono troppo!!!Bravissima Gabri e buona serata!

    RispondiElimina
  2. mamma mia che meraviglia irresistibile!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  3. Grazie a voi, ragazze! Questo, insieme alla versione senza cottura, sono i miei dolci preferiti... :)

    RispondiElimina
  4. E' da sballo!!! Complimenti, lo provo di sicuro!

    RispondiElimina
  5. Lo adoro, é il mio dolce preferito!Ha un aspetto così invitante..complimenti!

    RispondiElimina
  6. @Dada: Lo adorerai!

    @Nightfairy: idem! Una cosa è certa: gli americani non capiranno niente di cibo...ma almeno questa l'hanno imbroccata!! ;) (sempre che sia farina del loro sacco...)

    RispondiElimina
  7. Credo sia meglio di quello "original" che ho assaggiato in America! Lo rifarò questo wend per gli amici golosi.. proverò a mettere uno strato di composta di mirtilli neri tra base e crema... e perchè no, come topping visciole sciroppate! :)
    complimenti, è un'ottima ricetta!

    RispondiElimina
  8. @Anonimo: wow! Sarà delizioso! Felice che ti sia piaciuta, chiunque tu sia :)

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!