"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

sabato 11 settembre 2010

Gli spaghetti del buonumore



Mia madre cucinava questi spaghetti quando era contenta.
Arrivava in cucina, mi guardava con sguardo complice (perché sapeva che mio padre non avrebbe approvato:tutto quell'olio! E tutto quel sale! Tutto quel formaggio! :-/) e sorridendo mi chiedeva: "Ci facciamo uno spaghettino saporito saporito? Con le olive, un'acciughina, i capperi e tanto pecorino?"
Detto fatto, spaghetto velocissimo, gustoso, che mette allegria solo a sentire il profumo dell'acciuga che si disfa nell'olio...

Non una vera ricetta, solo un piatto semplice, da mangiare quando si è contenti.
Ancora oggi lo faccio quando mi sento di buonumore: "Ciccio, ti vanno gli spaghetti di mamma, con le olive, un'acciughina, i capperi e tanto pecorino?"
E già sorrido, pensando alla sua faccia da bambina golosa.

Le dosi, ovviamente, sono rigorosamente "ad occhio", perché in un piatto così ognuno deve essere padrone di metterci tante olive e formaggio e peperoncino quanto gli suggerisce la gola! :)


Ingredienti

spaghetti (noi stavolta abbiamo usato, più per curiosità che per altro, degli spaghetti al peperoncino)
olive nere
capperi
1 acciuga (oppure metà, se pensate che il gusto sia troppo forte)
prezzemolo (io non l'avevo fresco, ma ci sta benissimo)
peperoncino secco
aglio
una bella spolverata di buon pecorino
olio evo

Fate soffriggere nell'olio (non siate avari) l'aglio, il peperoncino, i capperi, l'acciuga, le olive nere tagliate a pezzetti e il peperoncino, finché l'aglio sarà dorato. Non fatelo annerire, mi raccomando, altrimenti diventerà amaro.
Intanto, cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata e quando sono cotti scolateli un po' umidi, tenendo anche da parte un po' d'acqua di cottura.
Una volta pronti, versateli nella padella col soffritto e mantecateli con qualche mestolo di acqua di cottura e una spolverata di pecorino.
Impiattate e aggiungete il prezzemolo tritato e ancora un po' di formaggio.



Enjoy it...and be happy!  ;)

9 commenti:

  1. Questi piatti semplici e saporiti, legati alle tradizioni di famiglia, sanno proprio di casa, di coccole, sono confortanti, vero?

    RispondiElimina
  2. Mettono sicuramente il buonumore..semplici ma buonissimi...ciao cara alla prox.

    RispondiElimina
  3. Ciao Gabry, che piacere conoscerti, anche per me la cucina è un oasi!!! Ho letto la ricetta degli spagettini veloci veloci e mi hanno fatto venire un sorriso...mi sono segnata subito!!!
    Un bacione e complimenti.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Gabry, spaghetti del buonumore si, altrochè. Ingredienti profumosi *___* mi piace questo piatto, prendo la ricetta di mamma e la porto in tavola al più presto. Grazie per averla postata. Un bacio grande, buona domenica.

    RispondiElimina
  5. @Geillis: Certi piatti ci ricordano le nostre radici! :)

    @Max: Ciao, Max! Che piacere ritrovarti! I tuoi complimenti fanno sempre un sacco piacere!

    @Cinzia: Ciao, benvenuta! Sono contenta di averti contagiato con questa ricetta...Ricambierò sicuramente la visita! ;>

    @zuccacapricciosa: mia madre era una buongustaia :D

    RispondiElimina
  6. Mi sa che la tua mamma la sapeva davvero lunga e aveva capito benissimo quali sono le cose che mettono allegria!!! Devono essere ottimi questi sppaghetti, grazie!!

    RispondiElimina
  7. che bello avere una ricetta che mette il buonumore perchè ti fa ricordare gli affetti di casa.oltre che mettere allegria è sicuramente una delizia!brava la tua mamma e tu per averla postata!

    RispondiElimina
  8. @giulia pignatelli: grazie a te!!

    @lucy: Ciao, Lucy! Mia madre amava i piatti saporiti, ma molto semplici. C'è un'altra pasta che faceva spesso e che prima o poi devo postare... :) Grazie per essere passata!

    RispondiElimina
  9. Ciao Medeleine:)) La ricetta della mamma, sono sempre i migliori che ti fanno stare bene legati a così tanti ricordi! Grazie per aver condiviso la ricetta e il bel racconto:)
    Un bacione,
    Nena

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!