"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

martedì 12 ottobre 2010

Lo sento: della vita tiepida è arrivato il tempo


"Lo sento: della vita tiepida è arrivato il tempo.
E’ la fiamma bassa, il ricordare che s’affretta lento, lo scordarsi di pensare "Io mi pento".
E’ lo sguardo tiepido che accompagna a casa la foglia che cade, è la direzione che non sa dove, la profondità che non s’interessa.
E’ il respiro tranquillo dell’ansia annoiata di se stessa, è il delitto che perdona, il vigore che gioca a carte e non si dona.
La vita tiepida è caldo e freddo insieme, è il memento mori che dimentica la luce accesa, è l’ombra lunga che cuce una vita mezzo spesa, è la palpebra che cade sui rumori, è la sorpresa - ma l’avevi attesa. La vita tiepida è soffice come l’erba appena appassita, è una bimba che cresce sotto le tue dita, è sapere senza dire, è un pomeriggio che sa che la notte non è morire".

Aldo Tanchis




3 commenti:

  1. che paesaggio suggestivo, dove si trova??

    RispondiElimina
  2. @Geillis: Eravamo a Tuscania, nell'alto viterbese! Un posto bellissimo e con scorci da cartolina, come puoi vedere..

    @Nightfairy: E' piaciuta tanto anche a me :)

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!