"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

domenica 28 novembre 2010

Delizie al mandarino con spicchi caramellati

Quando Ambra mi ha chiesto di partecipare al suo contest, sono stata in dubbio per tantissimo tempo. E non perché il contest non mi stuzzicasse, anzi! Al contrario...il problema è che ci veniva richiesto di pubblicare una ricetta di un dessert a cui anche dopo un pranzo luculliano, non riusciremmo mai a dire di no...eh...è una parola...Io ai dolci non riesco MAI a dire di no, a costo di rinunciare a qualche cucchiaio di pasta e al pane...ma lascio sempre nello stomaco uno spazietto -seppur piccolo- per farci entrare un dolcino. Gli unici dolci, se proprio sono costretta a fare un'esclusione, che non riesco a mandare giù sono quelli troppo "pasticciati", con creme stucchevoli e cioccolato sopra-sotto-dentro-intorno. Ma escludendo quelli...direi che la scelta è davvero ardua.
Poi mi sono messa a pensare ai dolci che amavo di più da piccola, e vista la pubblicità quasi assordante sul Natale (oggi a ora di pranzo sono arrivati anche gli zampognari a suonare la novena di Natale...ma vi rendete conto?? Ma novembre praticamente lo saltiamo ogni volta a pié pari: da halloween a natale?? Mah...), sono tornata indietro con la memoria...Qual è il profumo che più mi ricorda il Natale di tanti anni fa?..beh, non so voi, ma per me Natale fa rima con mandarini :) Stava arrivando Natale quando mia madre portava a tavola quei frutti deliziosi, dolci e piccoli, che una tira l'altro e poi quel profumo pungente, fresco, che ti fa venire in mente il freddo invernale, e le bucce tirate dentro al camino per far invadere la stanza del loro aroma unico...
Non avendo il camino a casa, mi accontentavo di cospargere di bucce i termosifoni e ogni tanto entravo nelle stanze e annusavo l'aria, fermamente convinta che prima o poi un po' di profumo in giro si sarebbe sentito...E quella volta che un'amica mi ha insegnato a svuotarli e a fare del guscio di buccia un portacandele? Va beh...scusate, un minuto di puro amarcord.

Ok...prima che per disperazione chiudiate questo blog, pur di farmi smettere i miei racconti patetici di quando ero piccola e tutto era bello buono e saporito, passo al resoconto della ricetta...ah, sì, perché alla fine ho deciso di preparare delle tortine con una crema al mandarino così buona, che ha sorpreso pure me. Perché i dolci alla frutta, no, a quelli proprio non so dire mai di no.


DELIZIE AL MANDARINO CON SPICCHI CARAMELLATI



Per i pan di spagna (per 6 tortine)

2 uova
2 cucchiai colmi di zucchero
2 cucchiai colmi di farina
2 cucchiaini di lievito
la buccia grattugiata di 2 mandarini non trattati

Imburrate e infarinate 6 stampini di alluminio usa e getta (quelli dei muffins, per intenderci).
Accendete il forno a 180°.
Montate a lungo le uova con lo zucchero e le bucce dei mandarini, fino a che il composto sarà bello gonfio e chiaro. Unite poco alla volta la farina setacciata con il lievito e mescolate, facendo attenzione a non sgonfiare il composto.
Riempite gli stampini con il composto, non più della metà, perché gonfieranno molto.
Infornate per circa 10-12 minuti (fate la prova stecchino).

Sfornateli e metteteli su una gratella per farli raffreddare.


ehm....se ne vedete 5, invece di 6, è perché...beh, dovevo vedere o no se il pan di spagna era venuto bene? Ecco...sì, è venuto perfetto :D

Per la crema al mandarino

2 tuorli
1 bicchiere e 1/2 di latte intero (ho usato come dosatore un bicchiere di plastica)
2 cucchiai di liquore al mandarino
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai colmi di farina o maizena
la buccia grattugiata di 2 mandarini
1/2 bicchiere di succo di mandarini
1 pezzetto piccolo di burro

Fate scaldare il latte, il succo dei mandarini e il pezzetto di burro.
Intanto, sbattete i tuorli con lo zucchero e la buccia dei mandarini. Aggiungete il liquore, la farina setacciata e mescolate bene. Unite il latte caldo e amalgamate.
Versate nuovamente il tutto in un pentolino e fate addensare la crema.
Lasciatela raffreddare.


Per la bagna

1 cucchiaio colmo di zucchero
1/2 bicchiere di succo di mandarini, allungato con una tazzina di acqua
1/2 tazzina da caffè di liquore al mandarino

Fate bollire l'acqua col succo e lo zucchero. Aggiungete il liquore.

Profumate i pan di spagna con la bagna al mandarino e farciteli con la crema (non ci ho pensato, ma secondo me potevo scavare un po' le tortine, in modo da mettere dentro più crema)






Per la copertura e gli spicchi caramellati


200 ml di panna da montare già zuccherata
quello che è rimasto della crema al mandarino


Montate la panna e mescolatela alla crema che vi è rimasta dalla farcitura delle tortine.


50 gr di zucchero
1/2 tazzina di acqua
12 spicchi di mandarino


Fate un caramello chiaro (il mio lo era un po' troppo, praticamente non si vede, che sono caramellati...sgrunt...) con lo zucchero e l'acqua, immergetevi gli spicchi di mandarino e fateli raffreddare su un foglio di carta forno.








Decorate le tortine con la crema e appoggiate su ognuna due spicchi di mandarini caramellati.










Con questa ricetta, che io e il maritone abbiamo gustato oggi dopo pranzo, partecipo ufficialmente al contest di Ambra "Sweet moments"!












...enjoy it!!

9 commenti:

  1. Ma che capolavoro gabri!!! Da fare assolutamente!!!
    P.S: I tuo racconto non era affatto noioso ;)

    RispondiElimina
  2. Magnifiche queste tortine!! complimenti! e chi può rinunciare a una delizia simile!!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Tesoro!!!!Queste delizie sono fantastiche!!!!Bravissima davvero!!!!Anche per me il profumo di natale è quello dei mandarini!!!Una partecipazione davvero gradita!!!Ti aggiungo ai partecipanti!!Un bacione grande grande!!

    RispondiElimina
  4. Ma che fantastiche meraviglie hai preparato!!!
    Un dolce momento davvero...soprattutto leggere il tuo post.
    buona serata.

    RispondiElimina
  5. Neanche io riesco a dire di no al dolce.... nemmeno dopo un pranzo luculliano, nemmeno se sto male, nemmeno... Io, il tuo dolcetto lo mangerei e farei anche il bis!

    RispondiElimina
  6. @giulia pignatelli: Grazie mille, Giulia! A volte si teme di annoiare, quando si scrive di sé... ;)

    @gabri: evviva la gola!! :DDD

    @Ambra: Grazie a te per l'invito, Ambra!! Sei sempre dolcissima!

    @Cinzia: :) :) :)

    @fantasie: già...ma perché i cibi più buoni sono sempre quelli che fanno ingrassare?? :>

    RispondiElimina
  7. Sei stata brava ad averne assaggiata solo una ;) io dopo ogni passaggio mi sarei accertata che tutto fosse a posto e non sarebbe rimasto più nulla!
    Buona giornata
    Sonia

    RispondiElimina
  8. se ne potrebbe avere uno in spedizione? hanno un aspetto goloso e profumatissimo!

    RispondiElimina
  9. @SUNFLOWERS8: eheheh...magari, potessi fare certi peccati di gola...ma il mio pancino si incavolerebbe parecchio e poi mi darebbe forfait per un sacco di tempo...che amarezza... ;p

    @madama bavareisa: ...in partenza, con la posta virtuale! :))

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!