"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

giovedì 4 novembre 2010

La mia non è proprio fame...è voglia di qualcosa di buono




Sabato scorso volevo accogliere il maritone, che tornava dopo una settimana di assenza- causa corso di aggiornamento per lavoro- con qualcosa di buono, ma piccolo, giusto un cioccolatino da gustare la sera, magari con un bel caffè...
Purtroppo, non avevo a portata di mano Ambrogio (e neanche una limousine, se è per questo e, grazie a Dio, nemmeno un tailleur giallo canarino, completo di cappello stile Dinasty)...
Cerca che ti ricerca, sono approdata qui e ho trovato questa ricetta veloce e buonissima, per fare dei simil rocher...simili, perché ovviamente quelli originali sono molto più buoni e poi perché lì c'è un involucro di wafer che raccchiude il ripieno, mentre qui i wafer sono sbriciolati all'interno...ma che vogliamo perderci in sottigliezze??
Quello che mi dispiace è che, per una mancanza di fiducia, ne ho fatto mezza dose...mi sono usciti 5 cioccolatini (mi sa che li ho fatto un po' grandi...). Da rifare, al più presto...in dose tripla... ;D




SIMIL FERRERO ROCHER

Ingredienti per circa una quindicina di cioccolatini


• 100 grammi di cioccolato al latte
• 50 grammi di nutella (io ne ho usata un po' di più)
• 50 grammi di wafer al cacao
• 150 grammi di nocciole


Tritate grossolanamente 120 grammi di nocciole. Tenete da parte 30 grammi di nocciole intere (in effetti, dovrebbe esserci una nocciola intera per ogni cioccolatino preparato, quindi contate di lasciarne una quindicina) e 20 grammi di nocciole tritate; poi mettete i restanti 100 grammi di granella in una ciotola.


Tritate i wafer, aggiungeteli alle nocciole tritate nella ciotola e amalgamate il tutto con la nutella. Impastate bene il composto e fatelo riposare in freezer per circa 15 minuti.

A questo punto, formate delle palline non troppo grandi con la preparazione di nutella, nocciole e wafer: al centro di ogni pallina mettete una nocciola intera e poi compattatela bene.
Nel frattempo sciogliete a bagnomaria il cioccolato al latte.
Immergete nel cioccolato fuso ogni pallina, poi rotolatela nella granella di nocciole che avrete lasciato da parte e, infine, mettete a raffreddare su di una gratella i cioccolatini.
Lasciate rassodare completamente il cioccolato e gustateli.


La prima foto dell'interno è stata scattata dopo un permanenza in frigo, per questo sembra così compatta; in realtà l'interno è sodo, ma cremoso. 






7 commenti:

  1. Booooni!!! magari mio marito accogliesse me così!!!! sono talmente tanto golosi che uno tira l'altro!!! un bacione Gabri :)

    RispondiElimina
  2. Una dolcissima accoglienza!!Altro che Ambrogio e limousine,te la sei cavata benissimo con queste perline deliziose!!Bravissima!

    RispondiElimina
  3. per dirla alla facebook: "a serena piace questo elemento" :D

    RispondiElimina
  4. questa sì che è una bella accoglienza!

    RispondiElimina
  5. Uau, che belli...io li ho fatti tempo fa ma con una ricetta completamente diversa, questa mi piace anche di più, se mi dovesse capitare di rifarli, proverò la tua!!

    RispondiElimina
  6. che dolcetti sublimi!!!!
    bravissima!!!
    ps: grazie a te mi sono accorto che nella mia ricetta non avevo indicato il lievito, se per caso te la sei segnata, ricordati di aggiungerlo (e scusami)
    ciaoooo

    RispondiElimina
  7. @Luciana: Ciao, cara! Sono sicura che tuo marito ha tanti altri modi docissimi per accoglierti!! ;))

    @Damiana: Grazie, Damiana! :*

    @Eres: ahahah! Messaggio ricevuto! :D

    @marsettina: :))

    @Geillis: Adesso però sono curiosa, voglio conoscere anche la tua ricettina...

    @Dario: Grazie, ziodà!! Vado ad aggiungere il lievito alla ricetta...ma scherzi?? Certo che l'ho segnata una tale delizia! :D

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!