"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

mercoledì 17 novembre 2010

Nowhere. Anywhere.

La psicologa ci ha guardato con un misto di tenerezza e curiosità..."Siete molto giovani", ha detto, sorridendo.
"Beh..." ho risposto imbarazzata "in realtà io sembro più giovane di quello che sono..." (rieccoci, ho pensato, il mito dell'eterna adolescente che rispunta come un fastidiosissimo brufolo)
Nella stanza faceva caldissimo e io mi sentivo come una ragazzina (appunto...) che sta per dare uno degli esami più importanti della sua vita.
Continuavo a ripetermi che non era una visita ufficiale, che eravamo stati noi a volere un colloquio informativo e che dovevo restare serena. Ma quando lei ci ha chiesto -sempre sorridendo, bionda e bellissima come un quadro naïf -  "Avete dei sogni, delle aspettative?", io ho lasciato il respiro a metà...E sono stata grata all'uomo pieno di sorprese che sedeva accanto a me, che è riuscito a rispondere che quando si parla di figli e di gratuità e di donazione, non si può "scegliere". E' la vita che ti manda certi doni, e tu puoi solo dire sì o no.
Siamo usciti da lì e l'aria era fresca, piacevole e a noi è sembrato di essere appena stati a comprare i biglietti per un viaggio pazzesco, inaspettato, un viaggio verso l'ignoto o forse verso la destinazione a cui eravamo chiamati da tempo, ma che ci spaventava troppo per partire.

Sono stata incertissima (e lo sono anche mentre scrivo), se parlare o no di questa cosa qui sul blog...Un po' perché avevo paura che questa fase così delicata potesse essere sciupata dalle parole, quando già dentro di noi c'è un sacco di confusione. Un po' perché ancora non l'abbiamo detto a tutti e temevo che qualche amico, leggendo il blog, ci restasse male di non averlo saputo direttamente da noi. 
Poi però ho pensato che non ce la faccio a tenermi dentro questa decisione così importante, e che anche se magari è presto per parlarne (siamo alla primissima fase), mi piacerebbe tantissimo condividere la mia emozione, le mie paure, i miei dubbi con voi e, perché no, poter scambiare esperienze con chi questo viaggio l'ha già intrapreso o come noi ci sta pensando già da un po' ma non trova la forza di fare il primo passo...

Io e il maritone abbiamo scelto di cominciare l'iter per l'adozione. 

Siamo ancora nella zona franca degli esami, la preparazione dei documenti e la ricerca di informazioni e di esperienze che ci rendano sempre più sereni e meno preoccupati. Il vero iter inizierà con la consegna di tutta la documentazione al Tribunale dei Minori. Ma a me già sembra di aver fatto passi da gigante e mi sento come proiettata verso un'altra vita, verso quella che potrà essere finalmente una famiglia, forse speciale.
Non so come andrà e so che sarà un percorso lunghissimo. Ma sento che questa è la nostra strada e c'è Chi ci accompagnerà (lo sta già facendo, mettendoci davanti angeli inattesi) e ci darà forza e stabilità.

Se a voi va di seguire questo viaggio con noi...salite a bordo, siete i benvenuti.
Destinazione: Anywhere.

9 commenti:

  1. GABRI!!!
    che sorpresa!!..ti mando una mail!
    ;)
    Laura F.

    RispondiElimina
  2. Ed ecco che rispunto io...alcune volte vengo nei VOSTRI blog e leggo i VOSTRI post..che non sono semplici aggiornamenti,sono pezzetti di voi,della vostra vita e mi sento un'intrusa come se stessi violando la privacy di qualcuno e molte volte è per questo motivo che non commento,non vorrei sembrare invadente...
    beh in questa occasione la smetto di farmi pippe mentali e ti faccio un grande IN BOCCA AL LUPO :)
    proprio in questi giorni comincierò il tirocinio in casa.famiglia, dove ci sono tanti ragazzini che hanno solo bisogno d'amore.
    Non sarà di certo un percorso facile ma spero che riusciate a percorrerlo serenamente. un bacio e ancora in bocca al lupo :)
    sere l'invadente ;)

    RispondiElimina
  3. Questo vi gratifica...buona fortuna per tutto...ciao.

    RispondiElimina
  4. @Laura: Ti ho risposto all'email... :))

    @eres: Sere, ma che dici!! Un blog si crea perché venga letto e perché le persone che leggono possano sentirsi un po' parte di quel mondo e dire anche il proprio pensiero! Anzi, a me piacerebbe tanto se tutti quelli che passassero per il mio blog lasciassero un pensiero, anche solo un saluto! Quindi, stà tranquilla, e grazie per quello che mi hai scritto :)

    @Max: Grazie, Max! Buon lavoro!

    RispondiElimina
  5. Non ridere per quello che sto per dire...io ho sembre creduto che le persone dal nome Gabriella fossero speciali, si lo so sembro presuntuosa, ma credo questo, e ancor di più credo che siano speciali le persone del segno del leone...(va bhe dai da buona napoletana dico non è vero MA CI CREDO!!!), starai ridendo...Comunque vedo che tu hai tutte 2 queste qualità, e quindi confermi a pieno la mia teoria!!!!

    So per certo che hai tanta forza e tenacia per affrontare qualsiasi cosa!
    Ciao a presto

    RispondiElimina
  6. Ho avuto due mie amiche che hanno fatto questa scelta, di cui una andata a buon fine e l'altra no (perchè è riuscita ad averne uno suo), e so che è un cammino lungo e complicato, ma non arrendetevi, perchè penso che ci voglia davvero un gran coraggio e un gran cuore per compiere il passo che avete fatto, ti sono davvero vicina, e forse invidio il vostro coraggio...

    RispondiElimina
  7. Un abbraccio forte forte... forza!! "anywhere" c'è una gioia imensa che vi attende!

    RispondiElimina
  8. @RicetteAmoreFantasia: Grazie, omonima... ;) Il tuo rotolo al cacao con chantilly mi ha fatto sognare! :D

    @Geillis: Grazie mille, Laura! Stà tranquilla, il tuo periodo "no" è solo, appunto, un periodo...passerà presto! Un bacio grande!

    @madama bavareisa: :))))

    RispondiElimina
  9. Gabri, io salgo, parto in questo viaggio con voi, me ne starò buona buona in silenzio in un angolo, ma quando avrai qualche cedimento basta che volti lo sguardo e mi trovi li. Sono certa che saremo in tantisisme in quell'angolo pronte a porgerti una mano virtuale da stringere forte. Un bacio.

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!