"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

venerdì 10 dicembre 2010

Elogio dell'ozio

Stanca stanca stanca stanca...così stanca che avevo in mente un mare di cose da raccontare, di pensieri raminghi che non vedevano l'ora di essere messi nero su bianco, ma che ora se ne stanno sbracati sul divano del mio cervello a riposare, stanchi pure loro..
Ma vi capita che ci sono delle settimane che sembrano rotolare via piene zeppe di cose da fare e da pensare e ci si ritrova a fine giornata chiedendosi: "E chest'è??"...come a dire: ma questa giornata me la sono fumata come una sigaretta, perché era cominciata stamattina con la tabella di marcia bella fitta, ora è finita e la tabella di marcia ha ancora un sacco di impegni da spuntare...ma com'è??
Uff....va beh...magari è solo un periodo.
Ma io avrei voglia di una bella settimana bianca in montagna...col camino...la neve...cibo buono -cucinato da qualcun  altro- e nessun dovere, solo piaceri! :)

Ehhh...intanto che io continuo a sognare, vi propongo un pane buonissimo, dalla crosta piacevolmente scrocchiarella e la mollica morbida e rustica. Profumato di formaggio e rosmarino. E la tua amica macchina del pane che fa tutto il lavoro e te lo sforna caldo caldo per ora di cena...non ha prezzo, davvero.

PANE AI TRE CEREALI CON FORMAGGIO E ROSMARINO


Ingredienti

350 gr di acqua tiepida
1 cucchiaino e 1/2 di sale
300 gr di farina multicereali (io ho usato questa, con frumento, soia e avena)
100 gr di manitoba
200 gr di farina 00
1/2 cubetto di lievito di birra fresco (sciolto in un pochino di acqua tiepida)
1 cucchiaino di zucchero


Inserite gli ingredienti nel cestello della macchina del pane e avviate il programma "Francese", da 750 gr di peso, crosta media, durata: 3 ore e 50 minuti.

Al "beep" sonoro, unite:

40 gr di formaggio grattugiato, tra parmigiano e pecorino (io ho fatto metà e metà)
1 manciata di rosmarino secco
2 fettine di prosciutto cotto affumicato, tritate




Uno dei pani più saporiti provati finora!








9 commenti:

  1. Chissà che sapore e che profumino questo bel pane!!! mi copio la ricetta!!! bacioni

    RispondiElimina
  2. bello e profumato questo pane gabri!! Brava!!

    RispondiElimina
  3. Io dico sempre che nelle 24 ore della giornata c'è ne vorrebbero 36 per finire tutte le cose da fare...complimenti per il tuo pane morbido e profumato. Ciao.

    RispondiElimina
  4. ... e vieni di corsa ad aggiungere il tuo post al Gioco dei Vizi!
    Subito!

    ;)) Sogna sogna, gabri... me lo dico sempre anch'io: almeno quello è ancora gratis... :))
    Un saluto e buona domenica, polepole

    RispondiElimina
  5. A fine giornata non sai quante volte capita anche a me!!E tra un sospiro e l'altro,sogno e magari mi gusto anche il tuo pane!!Un bacio cara e buona serata!

    RispondiElimina
  6. splendido questo pane! complimenti!

    RispondiElimina
  7. @Luciana: è un pane molto saporito e il profumo del formaggio lo rende squisito! Provalo! ;)

    @giulia pignatelli: Grazie, Giulia!

    @Max: se ne avessimo anche 36, di ore in una giornata, ci sembrerebbero poche e ne chiederemmo ancora... ;p

    @polepole: hai perfettamente ragione, cara, i sogni sono gratuiti e, come dico sempre, se uno deve sognare, meglio farlo in grande!! :))
    Corro a vedere di che si tratta questo gioco dei vizi...mi intriga...un bacio!

    @Damiana: ...e cosa c'è di più rilassante di una bella fetta di pane coi salumi?? ;D

    @Federica: Grazie mille,Federica! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. Ciao Gabri, piacere di conoscerti sono arrivata qui per caso bello il tuo blog mi piace!
    a presto

    RispondiElimina
  9. @Cristina: Ciao, Cristina!! Sono contenta della tua visita, conosco il tuo blog e sono venuta ogni tanto a "sbirciare" le tue leccornie...! ;D
    Sei la benvenuta! A presto!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!