"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

domenica 15 maggio 2011

Una focaccia d'altri tempi: Torta belga delle Simili

La focaccia dolce più buona che abbia mangiato finora.
Desideravo provarla da una vita, ma non mi decidevo mai! Ogni volta sfogliavo il libro delle Sorelle Simili e mi dicevo: domani la faccio! Non poteva deludermi. L'impasto è meraviglioso, l'ho steso senza spolverare il tavolo di farina, non era per niente appiccicoso e profumava di buono.
E' deliziosa, con quello zucchero che caramella in superficie e il contrasto con la mollica morbida...Mangiata ancora tiepida è una goduria indescrivibile e il giorno dopo verrebbe voglia di far durare la colazione per tutta la giornata...!!
Provatela!

TORTA BELGA -LA FIAMMINGA
dal libro "Pane e roba dolce" delle Sorelle Simili


Ingredienti
per una teglia di 30x40 cm

1/2 kg di farina di forza*
200 gr di acqua
25 gr di lievito di birra**
75 gr di burro
25 gr di strutto
1 cucchiaino di sale
50 gr di zucchero

 Infine
200 gr di zucchero di canna***
80 gr di burro freddo


Preparazione

Fare la fontana, amalgamare al centro tutti gli ingredienti e impastare per 10-12 minuti.

-Per chi come me usa la macchina del pane:  Mettere nel cestello prima l'acqua col sale, il burro morbido e lo strutto, coprire con la farina, unire lo zucchero e il lievito sciolto in un pochino d'acqua tiepida.
Avviare il programma solo impasto che dura 1 h e 30 minuti, più altri 20 minuti di lievitazione a macchina spenta.

Deve risultare un impasto tenero, ma non appiccicoso.
Fare una palla, coprire a campana e far lievitare fino al raddoppio.
A lievitazione ultimata, stendete la pasta, senza lavorarla, in un rettangolo grande fino a coprire il fondo della teglia. Copritela a campana (io l'ho coperta con una striscia di pellicola per alimenti leggermente unta e poi ci ho appoggiato sopra la leccarda del forno al contrario) e lasciatela lievitare per altri 30-40 minuti fino al raddoppio.
Dopo la seconda lievitazione, con la punta delle dita formate su tutta la superficie delle fossette, che riempirete con pezzetti di burro, cospargete con lo zucchero di canna


e cuocete in forno molto caldo a 220° (se il vostro forno è molto forte, come il mio, tenetevi sui 200°) per 15-16 minuti.  Appena cotta, togliete la torta dalla teglia e depositatela su una gratella.
  




* ho usato 400 gr di farina 0 + 100 gr di manitoba

**la ricetta originale ne prevedeva 37 gr, ma io ho preferito diminuirne la dose e allungare i tempi di lievitazione

***io ho usato metà zucchero semolato e metà di canna, ma ho ridotto le dosi, perché sinceramente 200 gr mi sembravano un po' troppi...


6 commenti:

  1. aiutooooooo, un'altra versione dolce della focaccia. La mia ormai la conosco..
    http://lazuccacapricciosa.blogspot.com/2011/04/se-non-ti-lecchi-le-dita-non-e-la-mia.html
    ma questa... Gabry mia, mi hai dato un buonissimo motivo per mettere le mani immediatamente nella farina. Grazie ^______^ un bacio grandissimo, buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Ciao! valeva la pena aspettare tanto: un impasto molto semplice per una focaccia soffice e leggera.
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Questa me la segno e la farò passo passo...ciao e buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  4. ma lo sai che fa proprio gola??Ma tu ti sei iscritta nel mio nuovo blog??

    RispondiElimina
  5. Ricetta copiata e quanto prima la provo!!!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!