"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

venerdì 3 giugno 2011

Focaccia mediterranea

Un'altra delizia uscita dalle mai esperte e feconde delle due Sorelle per antonomasia (della panificazione e della pasta, s'intende). Ci è piaciuta così tanto che mentre eravamo lì che mordevamo compiaciuti una bella fetta, tra gli "...mmmmh...buonissima" e gli altri poco eleganti versi mangiatori non riproducibili, abbiamo subito cominciato a fare un elenco delle farciture che vogliamo provare in futuro!
La ricetta è quella della focaccia tipica genovese, con una lievitazione un pochino lunga, ma facilissima e incredibilmente morbida e gustosa!
A me è venuta voglia di farcirla con pomodorini e olive nere, ma voi potete anche lasciarla bianca o metterci su quello che vi va...fatevi ispirare dalla vostra fantasia...e dalla vostra fame: quella non sbaglia mai!! ;D


FOCACCIA MEDITERRANEA DELLE SORELLE SIMILI
dal libro "Pane e roba dolce"



Ingredienti per una focaccia
(io ho dimezzato le dosi originali)

500 gr di farina (tra 00 e manitoba)
225 gr di acqua tiepida*
10 gr di lievito di birra
10 gr di sale (1 cucchiaino e 1/2)
1 cucchiaio di olio
1 cucchiaino di zucchero

Per pennellare

3 cucchiai di olio
3 cucchiai di acqua
sale grosso
(pestatelo un po' se i grani fossero troppo grandi, io di solito metto metà sale grosso e metà fino)

Per la farcitura
pomodorini tipo pachino
olive nere
origano


Preparazione


In una ciotola sciogliete il lievito con una parte dell'acqua, poi unite un poco di farina, un cucchiaio di olio di oliva, il sale e ancora la rimanente farina e acqua in due riprese, alternandole e sempre battendo l'impasto. 
Mettete sul tavolo e lavorate battendo per 7-8 minuti, poi rimettete nella ciotola e fate raddoppiare.

Per chi come me ha la macchina del pane: Versate l'acqua nel cestello, unite il sale e l'olio, coprite con la farina. Fate una fossetta nella farina, senza però raggiungere l'acqua, versatevi il lievito sciolto in un pochino d'acqua e lo zucchero. Avviate la macchina con il programma "Impasto" e lasciate lievitare per tutto il tempo del programma (dovrebbe durare circa 1 h e mezza, compreso il tempo di impasto).

Terminata la lievitazione, rovesciate l'impasto sul tavolo e formate un filone, che verrà appoggiato su una teglia di 30 x 40 cm. Fate riposare altri 15 minuti (questo per permettere al glutine di rilassarsi e poter stendere meglio l'impasto), poi spianate con un corto matterello (il mio era troppo grande e ho usato una bottiglina di acqua da 1/2 litro...beh...si fa quel che si può... :>) e aiutandosi con il palmo della mano fino a ricoprire quasi completamente il fondo della teglia.
Coprite con della pellicola per alimenti leggermente unta d'olio e fate lievitare per altri 20 minuti.

Affondare poi la punta delle dita nella pasta, formando su tutta la superficie delle impronte profonde fino a toccare la teglia, farcitela con i pomodorini tagliati a metà, le olive nere snocciolate e un po' di origano, coprite con 3 cucchiai di olio battuti con 3 cucchiai di acqua ed il sale e fate raddoppiare ancora la focaccia (a me ci sono voluti circa 45 minuti)**.

Infornate a questo punto la focaccia in forno già caldo a 200° per circa 25-30 minuti.

Se volete variare la farcitura, ricordatevi che quest'ultima va cosparsa sulla pasta prima di aggiungere l'emulsione di olio, acqua e sale.





Note

*la quantità di acqua ovviamente dipende dalla farina, io infatti ho dovuto aggiungerne dell'altra. Quindi il mio consiglio è di tenerne un po' in più e aggiungerla se necessario.

**anche per la lievitazione il tempo è relativo: dipende dalla temperatura della stanza, dall'umidità...insomma, da tanti fattori, quindi tenete i miei tempi solo come suggerimenti.

7 commenti:

  1. buona la focaccia!!! *_* e questa deve essere ottima, mi scoraggia solo il tempo di lievitazione :S

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo Gabri, complimenti e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  3. Oddio, la focaccia genovese è deliziosa e questa versione alla mediteranea è semplicemnte divina! Così ricca, saporita, fresca...mamma mia, potrei svenire di fronte a cotanta bontà!

    RispondiElimina
  4. Che meravigliosa bontà...la proverò...Max Blog di Max.

    RispondiElimina
  5. Weee!!!! non si fa a quest'ora....!!!! che fame!!!!
    che è morbida si vede, la lievitazione è perfetta ^.^

    RispondiElimina
  6. E' qualcosa di meraviglioso!!!l'adoro!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!