"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

martedì 6 settembre 2011

L'ABC


Secondo giorno di scuola. Eccitati e desiderosi di imparare ad usare coltelli e accessori vari e ovviamente di conoscere nuove ricette, stamattina eravamo come studenti secchioni e pronti ad immolarci, qualunque cosa ci avesse chiesto lo Chef.....dopo qualche ora, esattamente dopo la pausa pranzo, eravamo tutto così cotti che la voce dello Chef sembrava un'eco lontanissima e il suo racconto su quanto fosse venuto bene il fumetto di pesce faceva a cazzotti con la faccia del ragazzo accanto a me che evidentemente desiderava la morte, possibilmente sotto una doccia fredda...
Brodo vegetale, brodo di carne, fondo di pollo, fumetto di pesce limpido, fumetto tostato, brodetto, salse madri, pesto, salse e oli aromatici...una squadra perfettamente coordinata: taglia, affetta, pulisci, sistema, organizza, lava, guarda, osserva, memorizza, scappa a prendere appunti, ritorna e ri-taglia, ri-affetta, ri-pulisci...e poi mirepoix mirepoix e ancora mirepoix e tutto il dizionario culinario di origine francese che rende un trito di carote, sedano e cipolla una preparazione trés chic: lo Chef è bravissimo e maledettamente giovane e non si prende una pausa neanche quando le goccioline di sudore gli imperlano la fronte e diventa rosso per il caldo torrido della cucina.


Sono galvanizzata davvero...si vede?? :))
Nella mia divisa bianca -giacca, grembiule e torcione- ho il fascino di una cozza sudata (fa un caldo inimmaginabile e la stoffa di cotone pesante a maniche lunghe e doppiopetto non lascia passare un filino d'aria)...però mi sento bellissima lo stesso!! E la mattina, sulla strada per arrivare alla scuola, mi sento come una che va incontro ai suoi sogni e che ha finalmente trovato il suo posto.


À  bientôt...e buona mirepoix a tutti! ;D

PAVÉ ALLA CANNELLA
da: "I grandi libri degli ingredienti - Cioccolato"

Ingredienti

250 gr di farina 00
250 gr di zucchero
250 ml di latte intero
125 gr di burro
1 cucchiaio di cannella in polvere
1 bustina di lievito
2 uova
1 pizzico di sale

Procedimento

Setacciate la farina, il lievito e 1/2 cucchiaio di cannella e uniteli insieme allo zucchero (meno 3 cucchiai) in una terrina.
Sbattete le uova e il latte tiepido insieme ad un pizzico di sale e versateli al centro della terrina, lavorando velocemente con un cucchiaio.

Incorporate un po' alla volta il burro precedentemente fuso e lasciato intiepidire.
Versate i 2/3 del composto in uno stampo rotondo di 24 cm (o anche rettangolare) imburrato e infarinato, quindi spolverizzatevi sopra 3 cucchiai di zucchero e l'altro 1/2 cucchiaio di cannella. Ricoprite con il resto del composto. Durante la cottura, lo zucchero e la cannella caramelleranno, creando una crosticina croccante aromatizzata.
Infornate in forno tiepido a 180° per circa 30 minuti.

Sfornate, fate raffreddare la torta e se volete spolverizzatela con altro zucchero e cannella.


14 commenti:

  1. Ti abbraccio a distanza, cozza sudata col coraggio di credere nei desideri del cuore!

    RispondiElimina
  2. Invidio un pochino il tuo entusiasmo per questa nuova avventura... buona fortuna! :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Gabri!
    É un piacere tornare a leggerti e scoprirti così sprizzante di gioia. In bocca al lupo per questa grande occasione che stai affrontando, con l'augurio che ti porti ogni bene possibile.

    E complimenti sinceri per questa torta: dev'essere sicuramente una bontà unica!

    Un sorriso.

    RispondiElimina
  4. Sono molto felice per te... Non c'è niente di più di bello che trovare la propria strada....
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. sei sicuramente una grande donna.....non tutti hanno il coraggio di andare incontro ai propri desideri!!!!!! Auguri!!!!
    Lia

    RispondiElimina
  6. un grande in bocca al lupo per questa avventura!! ^^

    RispondiElimina
  7. In bocca al lupo! Sembra una strada bellissima, la tua...

    RispondiElimina
  8. Un grandissimo in bocca al lupo anche da parte mia! Baciotti!

    RispondiElimina
  9. Un grande in bocca al lupo per questa bella bella avventura e soprattutto per l'udienza.
    Tienimi aggiornata, se ti va.
    Ti abbraccio,
    Silvia

    RispondiElimina
  10. Sapevo che prima o poi avresti spiccato il volo e provato la gioia della libertà del cuore, mio caro gabbiano... sono felicissima per te e ti auguro di cuore ogni bene!
    Viviana

    RispondiElimina
  11. @Puffosaltatore: sapevo che cozza sudata ti sarebbe piaciuto ;D

    @Maddalaine Green:...grazie!!!

    @Chamomile: L'entusiasmo è sempre contagioso :)))

    @Lella La Fornella: Grazie, Lella!! Sono ancora all'inizio, della mia strada...e spero che mi porti in qualche posto bellissimo! ;D

    @Lia: Grazie, amica bella...Non sai quante volte ho pensato che sarebbe splendido condividere quest'esperienza con te!

    RispondiElimina
  12. @merendasinoira: ..crepi il lupo (in senso metaforico, s'intende...)!!!

    @meandfrankieavalon:...speriamo davvero che lo sia!

    @Kiara: Grazie!! Un bacio!

    @Lapappalpomodoro: Grazie, Silvia! Nel caos e nella stanchezza di queste settimane, ho accantonato un attimo il pensiero dell'udienza...ma in realtà sono tesissima...in bocca al lupo anche a voi per la vostra scelta!!

    RispondiElimina
  13. splendidi stati d'animo..assaggio il tuo dolce e ti mando un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Che dire, ho appena scoperto il tuo blog Gabri e, dico davvero, mi sembra uno dei più belli che abbia mai trovato! Scrivi molto bene e le foto sono splendide!
    Mi farebbe molto piacere se venissi a dare un'occhiata anche da me, sono...appena nata!
    In bocca al lupo per la tua nuova avventura, Laura.

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!