"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

domenica 13 novembre 2011

Anatra, anatra delle mie brame

Adoro l'anatra, la sua carne soda e saporita, il gusto che si sposa a meraviglia con i sapori forti, speziati, il vino corposo...il mio sogno? Riuscire a farla con le prugne, come l'ho mangiata una volta in un ristorantino di Chiusi e di cui mi sono innamorata al primo boccone...un vero tripudio dei sensi. Anche questa qui però non era affatto male...

ANATRA SPEZIATA AL BRANDY


Ingredienti per 4 persone

1 anatra intera di circa 1,2 kg con il fegato
vino bianco per la marinatura
2 coste di sedano
1 carota
1 cipolla
2 foglie di alloro
1 rametto di timo
1 rametto di maggiorana
qualche bacca di ginepro
2 chiodi di garofano
2 spicchi d'aglio
sale e pepe
olio evo
brandy
1 cucchiaino di spezie miste
farina 00

Preparazione

Tagliate l'anatra a pezzi e mettetela a marinare per un paio d'ore con le erbe aromatiche, le spezie, il vino bianco, l'aglio, il sedano, la carota e la cipolla lavati e tagliati a pezzetti, un pizzico di sale e una spolverata di pepe.


Trascorso questo tempo (meglio ancora se si tiene nella marinatura tutta la notte coperta con la pellicola), sgocciolate i pezzi d'anatra, asciugateli e, dopo averli passati nella farina, fateli ben rosolare in una padella con un po' d'olio


Versate la marinata, aggiungete un pizzico di sale, coprite e fate cuocere per circa 1 ora


A cottura ultimata, togliete l'anatra, sgocciolatela ed eliminate dalla padella le spezie e le erbe aromatiche.
Sfumate il fondo con una tazzina di brandy e poi frullatelo, creando una salsina.
Servite l'anatra calda con la sua salsa.



4 commenti:

  1. non ho dubbi sulla bontà di questa ricetta, mi fido parecchio di te :) ma non ho mai assaggiato l'anatra..... dovrò rimediare.
    Buonanotte e buona domenica cara. Un bacione.

    RispondiElimina
  2. IO invece, se devo esser sincera, dell'anatra ne facci oa meno, però non posso negare che cucinata così mi ispira eccome! ;-)

    RispondiElimina
  3. io non sono in grado di cucinare un'anatra ma faresti la felicutà di mio marito con questa ricetta!!

    RispondiElimina
  4. @Cri: ...ma grazie!! :))) Buona settimana a te!

    @Claudia: ...chissà, magari ti farei cambiare idea ;)

    @sere: E' la prima volta anche per me! Mai dire mai...

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!