"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

domenica 15 luglio 2012

"False friends" in cucina!



Ingredienti per 4 persone

800 gr di peperoni gialli e rossi*
100 gr di pancetta tesa (o guanciale**)
100 gr di pecorino grattugiato
1 bustina di zafferano
1 spicchio d'aglio
olio evo
sale, pepe
linguine

Arrostite i peperoni interi, finché saranno piuttosto teneri
(io lo faccio nel forno a 200°...eh, sì, anche con questo caldo, ma è il modo in cui mi vengono meglio e non devo stare lì a girarli sempre...), metteteli in un sacchetto di plastica per alimenti, chiudetelo e lasciate che si raffreddino, così dopo sarà più facile spellarli.
Quando saranno freddi, eliminate la pelle, il torsolo e i semini interni e tagliateli a falde. Conservate l'acqua di vegetazione.

Scaldate un filo d'olio in una padella capiente insieme a uno spicchio d'aglio vestito e rosolatevi ben bene la pancetta che avrete tagliato a listarelle, fino a che sarà bella croccante. Togliete l'aglio e tenete da parte la pancetta, avendo cura di lasciare il condimento nella padella.
Mettete i peperoni nel fondo di cottura della pancetta e fateli insaporire per qualche minuto, unendovi anche l'acqua di vegetazione tenuta da parte, in cui avrete sciolto la bustina di zafferano. Aggiustate di sale e poi frullate il tutto con un frullatore ad immersione.

Cuocete le linguine al dente e saltatele nella padella con la crema di peperoni e una parte del pecorino, unendo, se necessario, un po' di acqua di cottura della pasta.
Servite con un'altra spolverata di pecorino, una macinata abbondante di pepe nero e la pancetta croccante.

Buon appetito!

*se volete ottenere un effetto di "finta carbonara", usate tutti peperoni gialli :)

**il guanciale ha più parte grassa, rispetto alla pancetta, quindi se lo usate vi consiglio di omettere l'olio, per rosolarlo.


5 commenti:

  1. Buonissima!!!! Mi piace più dell'originale già a leggerla! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...beh, ora non esageriamo...l'amatriciana è sempre l'amatriciana ;D Questa è solo più fresca, provala!! Baci!

      Elimina
    2. ...beh, ora non esageriamo...l'amatriciana è pur sempre l'amatriciana!! ;D Questa è solo più fresca, provala! Baci!

      Elimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!