"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

venerdì 27 luglio 2012

Gelo d'estate, colpi di fulmine e dacquoise

 Da quando ho scoperto la meringa italiana, credo di avere avuto un colpo di fulmine.
I semifreddi, per me, hanno assunto un volto diverso, più leggero, arioso, delicato e la voglia di sperimentarne di nuovi mi fa già immaginare sapori e forme diverse...
Eh, sì... E' così che la gola intesse strane relazioni con i sogni e gli ingredienti prendono il volo verso abbinamenti golosi e stratificati al limite della decenza (che devo fare, mi fanno impazzire le torte altissime, con decine di strati diversi!)...

Ah... Mi sono innamorata anche della dacquoise, una specie di meringa con aggiunta di nocciole o mandorle in farina o, in questo caso, cocco rapé... Provatelo, perché è delizioso!
Io dovevo fare due torte, quindi, a meno che non dobbiate fare il dessert per un reggimento, vi conviene dimezzare le dosi o per lo meno usarne 2/3.
Buon weekend e al prossimo semifreddo!

 Ingredienti
per 2 torte da 24 cm e 26 cm

Per la dacquoise al cocco
(la ricetta è presa dal blog di Dauly)

260 gr di albumi
120 gr di zucchero

160 gr di cocco rapé
100 gr di zucchero
40 gr di maizena

Montate a neve soda gli albumi con i 120 gr di zucchero.
A parte, mescolate il cocco con lo zucchero e la maizena e uniteli delicatamente, un po' alla volta, agli albumi montati.
Stendete con una spatola il composto sulla placca foderata di carta forno (io l'ho fatto in due volte) e infornate in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti.

Sfornate la dacquoise, lasciatela raffreddare e ricavatene due cerchi di 24 e 26 cm, che saranno la base del vostro semifreddo.

...il resto mangiatelo così, perché è davvero godurioso :D

Per il pan di spagna 

5 uova grandi
250 gr di zucchero
250 gr di farina
1 cucchiaino di lievito
1/2 cucchiaino di colorante rosso (il mio era in gel) 

Montate a lungo le uova con lo zucchero, unitevi il colorante e amalgamatelo bene. Aggiungetevi la farina setacciata con il lievito, cercando di non smontare il composto e versatelo in una teglia da 26 cm. Infornate a 180° per circa 25-30 minuti.

Sfornatelo, lasciatelo raffreddare e tagliatelo in 4 dischi sottili, un po' più piccoli del diametro del vostro semifreddo (in modo che dall'esterno non si veda).

Per il semifreddo

Meringa italiana: 300 gr di albumi, 600 gr di zucchero, 150 gr di acqua
+
1 l di panna fresca, montata con 3 o 4 cucchiai di zucchero a velo*
4 fogli e 1/2 di gelatina in fogli da 2 gr
250 gr di fragoline di bosco, metà frullate e metà intere
1 fialetta di aroma vaniglia

Preparate lo sciroppo per la meringa mettendo in un pentolino 450 gr di zucchero con 150 gr di acqua (l'acqua deve essere 1/3 del peso dello zucchero) e portatelo tra i 118° e i 121°C.

Nel frattempo, montate gli albumi a neve con i restanti 150 gr di zucchero e, quando lo sciroppo è arrivato a temperatura, versatelo a filo sugli albumi, continuato a montare la meringa con le fruste elettriche, fino a che si raffredderà. A quasto punto la meringa è pronta.

Unite alla meringa la panna montata e l'aroma di vaniglia e dividetela in 6 parti uguali.

Mescolate a due delle 6 parti le fragoline frullate, ad altre due le fragoline lasciate intere e le ultime due parti lasciatele bianche.

*secondo me la panna potrebbe tranquillamente essere lasciata non zuccherata, perché la meringa è già abbastanza dolce, quindi regolatevi secondo il vostro gusto.

Per la bagna alle fragoline

160 gr di acqua
160 gr di zucchero
60 gr di liquore alle fragoline di bosco

Portate a bollore l'acqua con lo zucchero e fate bollire per un paio di minuti. Spegnete e unite il liquore. 

Per la decorazione

500 gr di fragole
1 cocco fresco piccolo
gelatina in polvere (tipo "Tortagel")

Assemblaggio del dolce

Rivestite un cerchio per torte di pellicola, appoggiate il disco di dacquoise sul vassoio e chiudetevi intorno il cerchio.
Versate sulla dacquoise il semifreddo con le fragoline intere, 


continuate con un disco di pan di spagna, che bagnerete con lo sciroppo alle fragoline


spalmate il semifreddo con le fragoline frullate, ancora pan di spagna e terminate con il semifreddo lasciato bianco, livellando bene la superficie.

Mettete il semifreddo in freezer per qualche ora e poi decoratelo con le fragole fresche e il cocco e colatevi sopra la gelatina (preparata seguendo le indicazioni sulla busta). A me è piaciuto colorare metà gelatina di rosso e lasciare trasparente l'altra metà.





16 commenti:

  1. un dolce che è un capolavoro...si gusta prima con gli occhi! Spettacolo!

    RispondiElimina
  2. mmmmmmmmmmmmmmm.........paqndispagna....meringa.....semifreddo....... mamma che buono..na bomba *_*!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì: una piccola bomba a mano :D

      Elimina
  3. allungo la forchetta,non posso resistere...complimenti per il tuo spazio,molto molto bello:)

    RispondiElimina
  4. in una sola parola: meraviglioso!

    RispondiElimina
  5. Io mi sono innamorata del tuo dolce, bellissimo!!!e dev essere altrettanto buono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle tue manine sarebbe stato molto più bello, i tuoi dolci mi hanno sempre fatto sognare :)))) Grazie, Night! Un bacio grande!

      Elimina
  6. Beh oltre ad essere bellissimo era anche buonissimo! grazie!!!
    Viviana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...era più buono perché l'abbiamo mangiato insieme :) E poi era buonissimo anche il tuo!!

      Elimina
  7. wow!! quante belle ricette mi hai conquistata da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa
    http://kreattiva.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Rosa! Vengo a vedere prestissimo anche il tuo blog! :*

      Elimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!