"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

sabato 6 ottobre 2012

Nothing better than a hug


Questa non è una vera e propria ricetta, ma solo un'idea stuzzicante, per un antipasto diverso o  un contorno gustoso e anche abbastanza leggero (certo, a meno che non mangiate da soli tutto il vassoio, a quel punto avete fatto la cena e pure la colazione del giorno dopo...).

E, non essendo una ricetta, non vi darò le dosi. Sì, ci ho pensato a lungo (circa 2 minuti e mezzo, e il mezzo è perché credevo di voler cambiare idea e stavo per pesare le patate), ma poi mi sono rifiutata. Perché su alcune pietanze è giusto, secondo me, che ognuno si regoli secondo il proprio gusto: più patate e meno tonno, più tonno e meno amidi, senza capperi che non mi piacciono, con le olive nere -che senza non posso vivere-...ecc...
Insomma, io vi do l'idea, voi fatela diventare deliziosa realtà :)
La prima volta che li ho assaggiati, li aveva preparati lei  e li abbiamo mangiati insieme, in una delle nostre rare, preziose serate, in cui ci siamo dette tanto...ma non ci siamo dette tutto (:*).

Allora, vi serviranno:

peperoni
patate
tonno in scatola 
(io ho usato quello al naturale)
capperi
origano
sale
olio

Arrostite i peperoni, sulla piastra o nel forno. Metteteli in un sacchetto per alimenti, chiudetelo e lasciateli raffreddare (sarà più facile togliere la pelle). Intanto, lessate le patate, passatele con lo schiacciapatate e mettetele in una terrina. Una volta fredde, unitevi il tonno e condite il tutto con una manciata di capperi, il sale, l'origano e un filo d'olio. Mescolate bene.

Spellate i peperoni, eliminate picciolo e semi e tagliateli a falde lunghe. Spolverate l'interno con un pizzico di sale e farciteli con il composto di patate e tonno.


Arrotolateli, aggiungetevi ancora un po' di origano e un altro filo d'olio se volete.




10 commenti:

  1. Sono felice,
    sono la prima a lasciare la mia impronta :-)!
    Idea molto carina per un aperitivo sfizioso!
    Inoltre saranno buonissimi,gli ingredienti sono
    tra i miei preferiti!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah! Velocissima! :D In effetti, dovrei pensare a un modo un po' più "chic" per presentarli, per un aperitivo carino! Grazie! :D

      Elimina
  2. Che carinaa! :) Un bellissimo nome che da l'idea della 'tenerezza' del loro sapore! Complimenti, carissima! :) Un abbraccio forte e buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...teneri, sì...vanno giù che è un piacere! ;)

      Elimina
  3. ottimo antipasto/pasto... =)) tutti ingredienti che rientrano nei miei colori e sapori..
    tesò farò di sicuro i tuoi abbracci e ricambio con un immenso abbraccio.... ^_^
    buona domenica assolata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e io rispondo con altrettanto affetto e un abbraccio fortissimo!! :*

      Elimina
  4. che bel piatto allegro!
    e hai ragione, anche io a volte preferisco non specificare il peso e le dosi esatte... la cucina è anche questo! si va a occhio, si aggiunge più di un ingrediente che si ama e meno di uno meno gradito...
    Infondo credo che tutte noi vogliamo dare soprattutto spunti e idee, poi ognuno adatterà per sè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, mi diverte meno, pesare anche i grammi di olio e di sale e contare le olive... ^_^

      Elimina
  5. E come la mettiamo se mi mangio tutto il vassoio? eheheeh Mi hai proprio stuzzicata, adesso non devo fare altro che sbizzarrirmi con le dosi come suggerisci tu :-) Bacioni cara e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...fà pure, e senza sensi di colpa!! :D :D

      Elimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!