"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

martedì 23 ottobre 2012

Un imprevisto è la sola speranza

Capita di fare degli incontri, nella vita, che sono speciali già prima di cominciare.
Forse perché esistono persone che quando le incroci, capisci subito che è più un riconoscerle, che un conoscerle per la prima volta. Come se quell'anima fosse stata dentro la tua ancora prima di sapere che è al mondo. E poi, ad un secondo sguardo, realizzi che proprio perché sono così speciali, le vedrai solo una volta nella vita. Mai più. Non saranno mai state tue e non lo saranno mai davvero. Come un sogno profondo, di cui al mattino ricordi solo pochi sprazzi, vaghi particolari e se dovessi raccontarlo, avresti difficoltà a mettere a fuoco i volti e la storia, nel suo susseguirsi logico. Perché, a dirla tutta, certi incontri, di logica non ne hanno proprio. Arrivano "all'intrasatto" (quest'espressione napoletana rende troppo la velocità e lo stupore di qualcosa che ti lascia senza parole), improvvisi come un ospite inaspettato, l'imprevisto del viaggio che non avevi considerato, la pioggia il giorno del tuo compleanno, la telefonata su cui avevi perso le speranze, la serata che prende una piega imprevedibile... Insomma, un regalo da parte della Vita e comunque un viaggio straordinario -extra-ordinario- in un mondo parallelo, bello e lontano come un paradiso esotico, che scompare in breve tempo, veloce come un miraggio. E, come i miraggi, a un certo punto, devi lasciarli andare e tornare alla realtà. Il problema è che questo tipo di miraggi sono tanto veloci a dissolversi, quanto impossibili da dimenticare. E ti accorgi, col passare del tempo, che in realtà ti hanno cambiato la vita e che tu, da allora, non puoi più essere lo stesso. Che un alito di quel respiro così diverso dal tuo ti è passato irrimediabilmente attraverso e ha mutato le tue prospettive dal di dentro. Non importa la sensazione di irrisolto, di incompiuto che ti rimane addosso, la certezza che quel viaggio avrebbe potuto avere più tappe, più scorci da fotografare, che se l'avessi saputo ti saresti attrezzata meglio e, soprattutto, che se qualcuno ti avesse detto che sarebbe andato via with a blink of an eye, forse avresti detto e fatto qualcosa di diverso. O magari no... Perché io credo che il bello della vita è che quando incontri qualcuno, tu sei esattamente come dovresti essere in quel momento lì, perché se fossi diverso, quell'incontro non l'avresti proprio fatto, non vi sareste nemmeno considerati, guardati, visti e, quel che è certo, riconosciuti. Così, la nostalgia che ci portiamo dietro fa posto accanto a sé alla gratitudine di aver potuto fare insieme un pezzetto di viaggio e alla meraviglia di essere stati spettatori di paesaggi sorprendenti, unici, belli da far male... E questo sì che è per sempre.
... E continuiamo a sperare che, chissà, magari la vita certi incontri li può far capitare una seconda volta, per dare loro una nuova opportunità.

Nel frattempo, io non smetto di tenere le mani in pasta, perché scrivere e cucinare sono la mia terapia anti malinconia. Senza di loro, io esploderei come un pericoloso vulcano in eruzione!
Da quando ho scoperto -grazie a lei- la farina di farro, poi, non faccio che infilarla in ogni preparazione! L'ho già provata nella crostata (che poi posterò), nei biscottini, nella pizza a lunga lievitazione e adesso in questa torta di yogurt e mele. È una farina che lascia un retrogusto di antico, di rustico, è profumata e, come potete vedere dalla foto, dà un bel colore nocciola (lo so che avete pensato fosse bruciacchiato...eheheh..ma non lo è ;) ) e infatti vi conviene stare attenti durante la cottura...

Buona torta, allora!
... Agli incontri straordinari, alle persone speciali, al cuore che non smette di battere mai e agli spiriti affini, che fanno della nostra vita un canto incessante.


Ingredienti 
per uno stampo di 24 cm

240 gr di yogurt (io senza lattosio o di soia)
260 gr di zucchero vanigliato*
225 gr di farina 00
50 gr di farina di farro bianca
185 gr di uova 
3/4 di bustina di lievito
90 gr di olio di mais
190 gr di mele sbucciate e pulite
limone, buccia e succo
1 pizzico di sale

marmellata a piacere per lucidare

Preparazione

Tagliate le mele a fettine sottili e regolari e irroratele con del succo di limone.
Montate le uova con la buccia di limone, lo zucchero e un pizzico di sale, fino ad avere un bel composto gonfio e spumoso.
Unite a filo l'olio, continuando a montare, poi aggiungete lo yogurt e infine le farine setacciate con il lievito.
Versate il composto nella tortiera e disponete sulla superficie le fettine di mela.
Infornate a 180° per circa 40 minuti.

Appena la torta è cotta, sfornatela e, ancora calda, spennellatela con la marmellata precedentemente riscaldata nel microonde (io ho aggiunto anche un cucchiaino di malto di mais per dare un aspetto più lucido).

 *Da molto tempo, ormai, non uso più la vanillina. Così, ogni volta che preparo la crema pasticciera, compro la stecca di vaniglia, poi la sciacquo accuratamente, la faccio asciugare per bene e la metto nel barattolo dello zucchero, aggiungendone una nuova, quando preparo la crema successiva...In questo modo ho sempre lo zucchero profumato di vaniglia.





16 commenti:

  1. Risposte
    1. Chi può dire di no a una torta di mele? ;D

      Elimina
  2. wow... grazie della menzione in un post davvero speciale :-)
    la torta è meravigliosa e hai trovato un aggettivo che proprio mi mancava nel descrivere questa farina... "sa d'antico". si è proprio quello che meglio la descrive!

    E io pure la sto mettendo ovunque :-D
    In settimana la troverai in una torta alla zucca e arance che è la fine del mondo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, grazie a te!! Mi hai talmente incuriosito, con le tue splendide ricette, che non ho potuto fare a meno di provare, me curiosa! ^_^ Però la riuscita migliore è stata nei calzoni al forno con la ricetta di Bonci, la farina di farro ha dato un sapore unico, mio marito era in estasi!! :)

      P.S. ...noooooo zucca e arance! Attendo con ansia!

      Elimina
  3. Che bello leggere le tue parole......allora affidiamoci alla vita.....per quanto riguarda la ricetta me la segno, dal momento che noi usiamo solo farro, kamut, ecc!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto la tua crostata con patate dolci e nocciole, particolarissima!! Verrò di sicuro a sbirciare qualche ricetta con una delle farine speciali, allora! :D

      Elimina
  4. complimenti per questo spezzato della vita che tocca ognuno di noi... e complimenti per la torta stupenda :) Rosalba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Rosalba, sei dolcissima come sempre :) Buona giornata!

      Elimina
  5. Mi piace questo post, tanto. Mi piace il tuo pensiero perché mi rendo conto di averlo fatto tante volte anche io. E mi ritorna in mente un libro che lessi tanto tempo fa e che alla fine mi sembrò strano e anche un po' ruffiano, ma una cosa mi piacque assai, cioè il concetto raccontato che qualsiasi persona che incontriamo sulla nostra strada ha un messaggio per noi. Che sia esplicito o recondito non importa, quel messaggio ti può arrivare dopo tanto tempo, anche se l'incontro è durato un solo attimo. Il libro è la Profezia di Celestino. Libro a parte, hai ragione, ci sono incontri che ti rimangono dentro per sempre, non importa la durata.
    Felice di conoscerti. Quella torta è bellissima...la farina di farro la devo sperimentare presto! Un bacione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto quel libro anch'io, un po' di anni fa, libro strano, hai ragione, anche se affascinante, ricordo che mi è piaciuto molto! Io sono sempre grata a Dio, di questi incontri...l'unico dolore è solo chiederti se avresti potuto fare qualcosa per non farli andare via :)
      Il piacere di conoscerti è mio! Un bacio!!

      Elimina
  6. Mi hai emozionata. Questo post ha una intensità incredibile. Un incontro, un dettaglio possono davvero cambiarci la Vita (con la V maiuscola come dici tu). Incrocio le dita per te cara, spero che si realizzi il tuo sogno. Per passare poi alla ricetta ti dico che per me è buonissima e probabilmente adotterò la soluzione che proponi per lo zucchero. Bacioni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sei dolce quanto una torta di mele :)))

      Elimina
  7. Ciao, sono il marito di plotina mamma in divenire, mio mlagrado poco avvezzo ai fornelli dipendo nel reparto nutrizione in tutto e per tutto da mia moglie che, seppur gran cuoca, è tragica nel reparto dolceria, mi tocca quindi rimboccarmi le maniche se voglio attanagliare dessert. Incusiorisito dalla tua ricetta, in occasione di una cena con la parentaglia, quest'oggi ho agito. Gran successo! Grazie e complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ne sono onorata e felicissima!! Spero che al di là del dolce, tutto proceda per il meglio...seguo la vostra storia familiare da tempo e vi auguro ogni bene, con tutto il cuore!

      Elimina
  8. anche a me piace la farina di farro, ma preferisco mischiarla ad altre perchè quando ho fatto i biscottini di frolla solo di kamut al piccolo mi ha detto "hanno un sapore che sa un po' di niente"!

    RispondiElimina
  9. davvero spettacolare questa torta di mele, sicuramente la farò, le mele sono la mia passione!!

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!