"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

martedì 20 novembre 2012

La visione prolungata può causare effetti molto collaterali

Facciamo un gioco: quali sono i cartoni animati o i programmi che i vostri figli amano guardare e che un giorno ricorderanno con affetto e tenerezza? Io non ho figli, ma ho un nipotino di 3 anni e so che lui adora la Pimpa, Martin Matin, Peppa Pig...
Probabilmente da grande, un giorno, ricorderà i disegni semplici, realistici, i colori brillanti e rasserenanti, le storie educative, pensate apposta per loro... E noi? Noi cosa ricordiamo dei nostri appuntamenti televisivi di quando eravamo piccoli e quanto di loro hanno influenzato la nostra crescita? Parliamone...

Io a 5 anni facevo colazione con le avventure di questo gruppetto scarcagnato,che combinava cose irripetibili:


...ve lo ricordate? Si chiamavano "Simpatiche canaglie" e mi facevano morire dal ridere...esattamente quello che si può definire un telefilm educativo, no? Quei bambini erano degli assoluti monelli e la voglia di imitare i loro guai era fortissima (a me piaceva un casino quello col papillon, a sinistra e immaginavo di poter sfidare i grandi con la sua parlantina)!

Come se poi questa qui fosse da meno:


una bambina al limite dell'assurdo, dotata di forza sovrumana e di totale assenza di regole... (alla bambina di una coppia di amici hanno dovuto spiegare che se ci si butta da una finestra altissima, il rischio peggiore non è cadere su una balla di fieno puzzolente e schiantare dal ridere, ma di non poter più ridere proprio per niente) 

Crescendo, poi -diciamolo- le cose non sono migliorate di molto, anzi, hanno preso un'inaspettata piega tra il disperato e il pruriginoso...
Vogliamo procedere a un felice elenco di cartoni animati che ci hanno fatto fremere, sognare, spantecare, fantasticare e che non dimenticheremo -ahimé!- MAI più?
Con lei ci siamo trovate a tirarne qualcuno fuori dai cassetti della memoria e ci siamo rese conto che forse gran parte della colpa delle nostre depressioni femminili degli ultimi anni non sono lo stress e la situazione economica o la ceretta e i mariti opossum...no, sono loro: i cartoni animati!!

Partendo dall'Ape Maia (creata proprio nell'anno della mia nascita...che chiul...eh?), passando per le vite tristi e strappalacrime dell'Ape Magà, di Remì, senza dimenticare (e chi se la scorda?) Anna dai capelli rossi, umiliata e maltrattata eppure sempre sorridente (frutto sicuramente di qualche droga sintetica),  fino ad arrivare a tutta la serie delle sfigate per eccellenza: Candy Candy, Georgie, Lady Oscar (una menzione speciale va a quest'ultima, per aver anzitempo sdoganato in un cartone animato l'ambiguità sessuale e averci lasciato anni interi a chiederci se alla fine a lei piacesse la Regina Maria Antonietta o André o tutti e due a fasi alterne)...
La mia memoria di ragazzina infarcita di favole e sogni poi si sofferma un minuto sui personaggi e le storie di pura magia, quelle che mi piacevano di più. E fra queste c'è lei, la ragazzina che da bimbetta bruttina e imbranata, con una giravolta e una bacchetta magica si trasformava in una sexy cantante che faceva girare la testa a qualunque ragazzetto in piena tempesta ormonale


...ma su, ma chi di voi non ha mai sperato di poter fare la stessa cosa, entrando il sabato pomeriggio dal parrucchiere o dall'estetista?? (secondo me il trucco sono i capelli viola...)

E poi ci lamentiamo se adesso abbiamo la sindrome delle Desperate Housewives, che cercano disperatamente di far quadrare vita personale, vita familiare, lavorativa e una messa in piega che duri qualcosa in più del tratto tra il negozio e la macchina! Tu guarda che esempi avevamo, dico io...
Colpa loro, hai ragione, Cri, è solo colpa loro... Perché se la nostra vicina di casa (o vicina di scrivania o di carrello al supermercato o fila alla posta) è una specie di "Spice Girl de' noantri", con gli occhi da cerbiatta, la minigonna ascellare e il tacco 12 con cui va pure al mercato, la scollatura proporzionata al buco nel cervello e l'aria da "i miei migliori amici sono la lacca a tenuta forte e il rimmel viola", con cui non si può fare un discorso-uno che non includa se stessa e la sua infelicità perché non fanno più lo smalto di quel rosso "che mi stava taaanto bene!"...beh, sappiate che in definitiva non è tutta colpa sua...ma della visione reiterata e sconsiderata di questo cartone animato qua

 Lamù, la donna-bagascia per eccellenza, la cui unica preoccupazione è
 sfidare il suo amato e sfigatissimo Ataru a trovare modi sempre nuovi e originali per toglierle il reggiseno tigrato...volevate che un cartone così non facesse breccia su qualcuna di noi, sfortunate adolescenti degli anni '80? Ha beccato lei, ma il virus poteva propagarsi fino a noi, l'abbiamo scampata bella (forse anche grazie agli strascichi del senso di colpa di Anna dai capelli rossi)...

E cosa vogliamo dire, ai nostri genitori che con tutta la serenità di questo mondo, ci lasciavano ore davanti alla tv, dicendo: "...come sta buona buona, mentre guarda i cartoni animati!"??

... Tranquilla, mamma, è tutto ok. E ricorda che per il mio 12° compleanno voglio una bacchetta magica, i capelli viola e un bikini tigrato.

18 commenti:

  1. è fantastico, non potevi raccontarlo meglio ahahahahaha
    Ti adoroooooo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah! Povere noi!! :D :* :* :* :*

      Elimina
  2. io sono un "tantinello" più grande e mi son fermata a Lady Oscar, che ha suscitato tanti dubbi anche a me ahahahah, ma hai ragione i bambini non andrebbero lasciati davanti alla tv, play station e quant'altro per troppe ore, anzi sarebbe meglio se facessero tutt'altro. Sta a noi genitori a dire "sei un monello" mentre pasticcia con la torta che hai preparato con tanta pazienza. :) Rosalba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma infatti! Viva le corse all'aria aperta e i pasticci in cucina! :D

      Elimina
  3. Ahah :) Però ti dirò.. io a vedere Creamy e Lamù non sono cresciuta bagasciona :D Ci hanno traumatizzate, tra le sfighe di Candy Candy o Lovely Sara.. eppure siamo cresciute bene.. perchè c'era meno 'malignità'. Noi ci scherziamo (e sei stata FORTISSIMA tesoro, mi hai fatto sganasciare!) ma non avevamo che pensieri ingenui da piccini.. persino sui capelli viola che tanto amavo :D Chi di noi è mai andata in giro con un corpetto leopardato, se non a carnevale? Oggi le ragazzette se le mettono davvero le minigonne ascellari delle Winx..!!! Un bacio stella! :) Grande grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e quanto hai ragione!! Anch'io poi ho sempre desiderato i capelli viola!! Forse, il corpetto leopardato un po' meno... ;D Un bacio grande a te!!

      Elimina
  4. Con gli amici in una cena ci siamo messi a elencare tutti le serie di cartoni che abbiamo visto da piccoli. L'elenco era così lungo che mi sono impressionata! Mi hai fatto venire un mente un sacco di bei ricordi :-) Grazie carissima!!! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, a completare il quadretto avrei potuto tranquillamente aggiungere Bia e Renzi la strega, a pensarci...! ;p Bacioni a te!!

      Elimina
  5. Ho dei mravigliosi crampi alle mascelle per il tanto ridere!!!Io
    la bacchetta magica la vorrei per il mio prossimo compleanno però!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...la voglio anch'io!!! :D
      P.S. non dimenticare di firmare i messaggi, così so chi ringraziare per i commenti ;)

      Elimina
  6. oddio dovrei scrivere un libro su tutti i cartoni e serial che mi sono vista da piccola....anzi mi chiedo...ma mia madre mi faceva guardare la tele tutto il tempo???
    Comunque il mio primo amore è stato Terence ......poi Abel......
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Terence ha provocato non pochi turbamenti anche a me ^_^ Ma io faccio poco testo, perché ero pure innamorata di Mirko di Kiss me Licia...e ho detto tutto!

      Elimina
    2. sappi che alle 11 di sera su rai gulp c'è ancora lui..Mirko!!!

      Elimina
    3. ....naaaaaaaaa ma davvero?!? Allora lo devo ASSOLUTAMENTE guardare!! ahahah grazie!! ^_^

      Elimina
  7. concordo pienamente su tutto, nemmeno io sono diventata una libertina dopo aver visto Lamù, sicuramente perchè non ero supportata dal fisico, anche se rivisti con gli occhi odierni i disegni di Creamy erano lievemente inquietanti essendo quasi macrocefalica la cantante dai capelli viola. Ora mi sorge un dubbio, ma si chiama creamy perchè era una sorta di umanizzazione di un gelato data la forma della figura intera? vabbè, comunque sei mitica ed io avevo perso la testa per l'uomo tigre e johnny di è quasi magia johnny.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Oddio!! Non ci avevo mai pensato!! Ma sìììì: Strawberry Creamy!!! ahahahahah!! Comunque di tizi affascinanti i cartoni erano pieni, ecco perché i ragazzini della nostra età non reggevano il paragone :D

      Elimina
  8. Io ero deliziata dal cavallo di Pippi, impaurita da Tecla, il ragnaccio dell'ape maia, intimorita da Marilla, che alla fine si è rivelata un buon personaggio, intenerita dai bambini della casa di Pony e assolutamente invaghita di Terence, affascinata da Oscar e contemporaneamente da André (vabè, avevo gli ormoni in subbuglio) e del tutto rincretinita da Occhi di Gatto. Infatti per un po' ho sognato di fare la ladra come professione. Che bei tempi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ahahah!! Eh, sì, gli ormoni giocavano brutti scherzi davvero...Occhi di gatto l'avevo dimenticato, mi piaceva un sacco!...ma ti rendi conto con che cavolo di educazione avevamo a che fare?!? ^_^

      Elimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!