"…in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale..."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

giovedì 21 febbraio 2013

Peccati di gola...ma non troppo

Crostata con composta ai frutti di bosco Ecor
 Progettavo questa crostata da qualche mese...ci sono voluti 3 tentativi, perché venisse fuori come dicevo io!
Il punto è che proprio non volevo accettare l'idea di mangiare una frolla con la margarina, questo tipo di grasso cerco di usarlo il meno possibile, primo perché so che non è salutare, poi perché trovo che non lasci un sapore buonissimo, nei dolci e infine -the last but not the least- perché ho come la sensazione che sia un pochino pesante da digerire, rispetto al burro...Insomma, quando posso, preferisco di gran lunga sostituirla con l'olio di mais, che secondo me è perfetto per i dolci!
Così, spulcia qua, sfoglia là, osserva a destra e fatti venire un'idea a sinistra...sono arrivata a questa ricetta, senza burro né uova, ottenendo un impasto che finalmente non trasuda olio e che non mi fa pensare "che tristezza, sto mangiando un surrogato del surrogato del surrogato"...
Certo, OVVIAMENTE questa NON È una pasta frolla, ma un impasto che si può usare come una pasta frolla, almeno per chi come me ha problemi di intolleranze o è vegano per scelta.

Vado...

CROSTATA VEGANA SENZA BURRO E UOVA
per uno stampo di 22 cm

300 gr di farina 00
120 gr di zucchero
100 gr di olio di mais
2 cucchiaini rasi di lievito
1 cucchiaino di lecitina di soia*
70 gr di latte di soia
la buccia grattugiata di un limone

Per prima cosa, in un robot da cucina (o nel bimby, se l'avete) frullate la lecitina nel latte, fino a farla sciogliere (io la riduco prima in polvere, così il procedimento è più veloce)
Unite l'olio a filo, continuando a frullare, fino ad ottenere una specie di emulsione, aggiungete quindi lo zucchero e la buccia grattugiata del limone e continuate a montare il composto.
Dovrete ottenere un'emulsione così


Mettete in frigo il composto per circa 15 minuti, in modo che addensi.
Trascorso questo tempo, riprendete l'emulsione e unitevi la farina setacciata con il lievito. Fate andare il robot, senza lavorare troppo l'impasto, fino a creare una palla. Lavorate leggermente con le mani -pochi secondi- finché sarà omogenea e rimettetela in frigo per altri 15 minuti.

Ungete e infarinate una teglia e stendetevi la pasta, farcitela con la marmellata che preferite (io ho usato questa buonissima ai frutti di bosco e una fantastica fatta da mia suocera alle arance)

Infornate in forno già caldo a 180° per circa 25 minuti.



Questa invece l'ho fatta sostituendo una piccola parte di farina 00 con farina di farro, buonissima, ma la farina di farro fa inumidire presto l'impasto, per cui la crostata perde pian piano di friabilità...


Tips

*due consigli sulla lecitina di soia:
1. cercate di trovare un prodotto che non sia OGM, altrimenti invece di fare un favore alla vostra salute, la danneggerete.
2. la lecitina farà colorare prima la vostra crostata, per cui state attenti alla cottura! Infatti, io nella prima come vedete mi sono distratta ed è venuta più abbronzatina... :-/



20 commenti:

  1. La segnalo subito ad una mia carissima amica, non possono mangiare nè uova nè latticina causa allergia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di poter essere utile a chi come me ha problemi di questo tipo! :D

      Elimina
  2. a vedersi sembra perfetta!
    la frolla con l'olio l'avevo provata ma mi era venuta pessima... si sentiva tantissimo il sapore :-(
    poi ovvio, te hai sostituito anche le uova, hai messo il latte di soia... insomma tutta un'altra storia rispetto alla mia!
    bella, complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' per questo che ho fatto 3 tentativi...nel primo l'impasto trasudava olio tantissimo e si sentiva l'odore...il secondo era eccessivamente idratato, anche perché avevo lasciato le uova...poi da qualche parte avevo visto l'idea di questa emulsione tra lecitina, latte, olio e zucchero...e devo dire che la pasta non è affatto unta (bisogna farla raffreddare bene, però) e il sapore è molto buono!

      Elimina
  3. Mi pare veramente un capolavoro!! Che voglia di assaggiarla.. veramente.. sei stata bravissima e.. in quanto a prove taccio.. sto combinando un disastro dietro l'altro in questi giorni :(( Un bacione tvb! (ppst a te e al pancino :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...disastri?? E lo dici a me?! :D Per fare questa crostata, ne abbiamo mangiate, di schifezze!! ahahah ;p

      Elimina
  4. ciao ,molto interessante la tua ricetta,dalle foto sembra anche gustosa ,bravissima...un abbraccio !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria!! Sei gentilissima, un bacio!

      Elimina
  5. L'aspetto e delizioso complimenti per la riuscita!!!

    RispondiElimina
  6. L'emulsione è una bella trovata davvero!! la proverò di sicuro!
    Non ho problemi di intolleranze ma cerco sempre di limitare le uova (il burro ormai ho smesso da tempo di usarlo) e trovare alternative più sane per i dolci.
    Direi che è un peccato di gola che ci si può concedere più che volentieri e senza sensi di colpa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'emulsione in effetti aiuta a far assorbire l'olio all'impasto, evitando che dopo trasudi...Infatti, le prime volte che avevo provato, senza lecitina e senza emulsione, la pasta era un po' unta e dopo la cottura sentivo l'odore dell'olio...non mi piaceva :)

      Elimina
  7. Luce muy rico es una verdadera delicia me encanta quiero un trozo te ha quedado preciosa,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Rosita!! Benvenuta! :)))

      Elimina
  8. Mi hai superconvinta e me la segno! Anche io la margarina non la uso proprio mai e preferisco il burro. Certo che se si può omettere ancora meglio :-) Bacioni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il burro mi manca molto, soprattutto nei biscotti, se devo essere sincera...il suo profumo è insostituibile... :( Però, se escludi quello, per fortuna trovo che l'olio di mais sia un sostituto di tutto rispetto ^_^ Buona settimana a te!!

      Elimina
  9. Wooow realmente exquisito me encanta tiene un aspecto perfecto,abrazos y abrazos

    RispondiElimina

Impronte sulla sabbia
Grazie per le impronte che lascerete: commenti, suggerimenti, critiche, semplici saluti...saranno tutti graditi!